I cani della peste

Inghilterra, Contea di Cumberland, anni '70. Nella Regione dei Laghi, quasi al confine con la Scozia, sorge il Centro di Ricerche ed Esperimenti su Animali (CREA). A dirigerlo c'è il dr. Boycott, un solone in camice bianco che non chiede altro che essere lasciato in pace a compiere il “suo utilissimo lavoro”, lontano dalle polemiche e dalla passione emotiva, a coltivare un “sano” distacco scientifico. Il distacco con cui si accanisce sulle tante cavie animali rinchiuse nel CREA causando loro grandi sofferenze senza logica, per il solo scopo di sperimentare: “La scienza sperimentale è l'ultimo fiore dell'ascetismo e il dr. Boycott era, in effetti, un asceta, un osservatore di fenomeni ed eventi sui quali non dava alcun giudizio di valore”. In una gabbia del CREA ci sono anche Snitter, un cane meticcio che Boycott fa affogare e rianima quasi tutti i giorni, e il fox terrier Rauf, tormentato da deliri e allucinazioni a causa degli interventi al cervello che subisce. Una sera, approfittando della sbadataggine di un inserviente, Snitter e Rauf riescono faticosamente ad evadere. I due poveri animali, in fuga nella campagna inglese, vengono braccati senza pietà...

L'autore del meraviglioso La collina dei conigli in questo romanzo del 1977 - ormai introvabile perché mai più ristampato in Italia dopo il 1987 - attacca a testa bassa l'istituto della vivisezione, che descrive sempre e comunque come insensata e crudele. Intento lodevole o perlomeno legittimo a seconda dei punti di vista, ma portato avanti con tale foga caricaturale da perdere un po' di efficacia. Il tentativo di Adams di “entrare” nel modo di pensare e parlare dei cani inventando un loro intercalare è solo parzialmente riuscito, e le frecciatine perbeniste molto demodè di cui l'autore punteggia il plot, unite alla bizzarra traduzione in chiave dialettale di molti dialoghi operata da Pier Francesco Paolini fanno il resto, rendendo I cani della peste soprattutto un'occasione mancata.

 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER