I pilastri della Terra

I pilastri della terra
25 novembre 1120, Inghilterra. La nave White Ship, fiore all’occhiello della flotta britannica, naufraga portando a fondo con sé i propri passeggeri: baroni, conti e gli eredi al trono di re Enrico. Tre anni dopo. Un frate, un cavaliere ed un prete sono i silenziosi mandanti di una oscura impiccagione, e vengono maledetti da una donna dagli occhi dorati sotto lo sguardo attonito della folla accorsa all’esecuzione. 1135. Tom, mastro costruttore, è costretto a cercare un nuovo lavoro poiché il potente signore William Hamleigh, per il quale sta costruendo un palazzo, viene rifiutato dalla futura sposa Lady Aliena. Inizia così il tortuoso percorso di Tom e la sua famiglia, che lo porterà fino a Kingsbridge, dove potrà coltivare il suo più intimo sogno, quello di costruire l’edificio più perfetto del mondo, una cattedrale. La storia di questo uomo umile ma ambizioso si intreccia con quella del priore della cittadina Philip, buon frate dal carattere caparbio, dai modi spesso al di sopra della regola dell’ordine; i due uomini lavoreranno insieme per trasformare il piccolo paese in una città florida e vitale, inimicandosi poteri sia ecclesiastici che temporali. Da questo luogo prende il via una complessa serie di storie di odio e di amore, di potere e crudeltà, storie che troveranno un proprio equilibrio solo nel momento in cui il mistero dell’impiccagione verrà svelato...
I pilastri della terra viene considerato il miglior romanzo di Ken Follett, sebbene lo scrittore sia diventato famoso grazie ai suoi numerosi thriller, come La cruna dell’ago e Il terzo gemello. La stesura del racconto ha richiesto al suo autore circa tre anni, vista la lunga serie di ricerche tra libri di storia medievale ed architettura e viaggi nelle brughiere di Salisbury . Quello che colpisce immediatamente è infatti la fluidità con cui la finzione narrativa si fonde con la fattualità storica – la morte di Enrico I, la lotta tra Matilde e Stefano di Blois - , e l’accuratezza con cui sono descritti sia gli usi e costumi medievali, le ambientazioni, che le fasi di costruzione della cattedrale. La storia scivola leggera tra le mille pagine del libro, l’attenzione rimane sempre viva e l’intrecciarsi degli eventi, seppur macchinoso, risulta sempre chiaro al lettore, che rimane incollato fino alla fine di ogni capitolo. Inoltre, non ci si può non innamorare dei protagonisti che vediamo crescere nel corso dei 40 anni di storia raccontata: sebbene sia possibile dividerli nella classica contrapposizione bene/male, ogni personaggio ha una profonda sfaccettatura psicologica, che gli conferisce un posizionamento non sempre nitido, e proprio per questo più affascinante. A fare da sfondo, la costruzione della cattedrale di Kingsbridge, la magnificenza degli archi acuti e delle vetrate, la perfezione dei muri tirati a piombo e delle sculture della navata.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER