Ifigenia

Ifigenia
Ifigenia è la figlia che Agamennone accetta di sacrificare, per placare l’ira divina che mediante una persistente bonaccia impedisce alla flotta greca di partire per Troia. La fanciulla che viene attirata in Aulide dall’ambizioso Odisseo e dall’indovino Calcante con l’ingannevole espediente di condurla al matrimonio con Achille, l’uomo più bello e il guerriero più valoroso del tempo. Sottratta all’orrendo supplizio dalla dea Artemide sostituendo il suo corpo con quello di una cerbiatta, Ifigenia in seguito viene condannata a un’esistenza fantasma nella lontana Tauride. Privata dell’identità ed esacerbata dal doloroso ricordo del martirio subito è ora forzata al ruolo di sacerdotessa preposta a celebrare i sacrifici umani perpetrati dal re Toante nei confronti degli stranieri. Le imperscrutabili volontà dei disegni divini sembrerebbero ora tramutare la vittima in carnefice; ma l’improvviso sopraggiungere del fratello Oreste e le varianti adottate nel corso delle celebri rivisitazioni letterarie faranno di lei l’emblematica eroina di ogni logica distorta e infondata…    
In un tempo come il nostro, in cui il martirio delle donne richiama alla mente dolenti pagine di cronaca giudiziaria, può essere utile ritornare a un tema mitologico caro alla letteratura classica che rivive nelle pagine di questo nuovo libro. Una lunga cavalcata che ha per soggetto la violenza e la crudeltà di un padre consumate sulla propria figlia, in cui vengono raccolti oltre ai testi delle due corrusche tragedie di Euripide Ifigenia in Tauride e Ifigenia in Aulide, anche le varianti proposte da Racine, Goethe e Ritsos, privilegiando le rivisitazioni adottate in ambito teatrale. A questo stupendo excursus la curatrice Caterina Barone aggiunge poche ma densissime pagine di acuta analisi, in cui offre gli orientamenti profondi che hanno dato creatività alle metamorfosi che l’eroina dall’antica Grecia ha vissuto nei secoli. Le opere, esplorate in un ampio reticolo di riferimenti e citazioni alla ricerca di somiglianze e differenze, ci consentono di comprendere una volta di più perché i classici non sono solo argomento di studio. La loro lezione continua ad aiutarci in molte scelte.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER