Il commediante trasformato

Il commediante trasformato
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Articolo di: 

Nel grande salone in stile rococò fa ingresso la contessa, la favorita del principe, la quale domanda alla sua damigella quali siano le novità. La zelante damigella le consegna il programma dei divertimenti settimanali: caccia alla volpe, giostra, festa da ballo, ricevimenti. Insomma, una settimana intensa, ma – di fatto – il solito tran tran. Inoltre, la damigella in questione si premura anche di comunicarle come là fuori, da parecchio tempo, ci sia un giovane che attende, impaziente, udienza. Si tratta di un commediante. Giovane, magro, dinoccolato. Viene fatto entrare, la contessa lo guarda con estrema curiosità e non senza una certa superiorità – certo, normale in lei – gli chiede un bel “Desidera?”. Al che il giovane prende la parola evidenziando, in particolare, il fatto che nessuno protegga i teatranti e come la loro vita sia spesso governata dal vento e dall’inedia e, pertanto, egli implora “la sua misericordia affinché la contessa conceda a lui e alla sua compagnia protezione”. Questo cerca: aiuto, protezione e sicurezza. Di questo ha bisogno l’arte, altrimenti non si può andare avanti. All’improvviso, a interrompere le richieste del giovane, si ode un forte trambusto davanti alla porta della sala e, repentinamente, fa ingresso un uomo, il cavaliere, ben noto alla contessa…

Pubblicato dalla casa editrice Via del Vento nella collana i Quadernidiviadelvento, che si è posta l’obiettivo di riscoprire testi inediti e rari del ‘900, Il commediante trasformato si inserisce nella produzione giovanile di Zweig. Infatti il teatro fu uno dei primi amori del grande autore tedesco e pare come, nonostante nelle opere successive e più conosciute egli abbia preso altre strade, che quel primo amore non si sia mai affievolito. Trattasi di un’opera in atto unico nella quale si analizzano e espongono, tramite la voce del commediante, le angustie, i crucci, le sofferenze dell’attore, del suo ruolo nella società. Attore non votato a un buon destino quanto piuttosto votato a morte certa se privo di tutela o protezione da un potente. Attore destinato, senza tale ancora di salvezza, a vivere ai margini: “non abbiamo altro tetto che questo carro esposto a vento e pioggia” dirà il nostro commediante. E nonostante questo inizio desolante il teatrante, nel corso delle vicende che si sviluppano nel palazzo, acquisisce forza e una grande consapevolezza di sé e del suo ruolo, da qui il trasformato del titolo. Nell’opera non è difficile cogliere echi shakespeariani, ma anche tematiche nostrane come quelle di Pirandello “tra un’ora damerino ventenne metterò in scena la sua persona. E tutto quello di cui fa sfoggio […]mi appenderò tutto come una maschera con quell’aria tronfia che le appartiene. Non uno ma cento come lei farei vivere in un’ora”. Lo stesso Pirandello che, peraltro volle tradotto in tedesco dallo Zweig il suo dramma Non si sa come. Un atto unico decisamente affascinante per stile e tematiche e che, inevitabilmente. stimola a conoscere ancor meglio lo Zweig drammaturgo.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER