Il destino divide

Akos Kereseth, figlio dell’oracolo di Thuvhe, conosce ormai il suo destino. Akos ama Cyra eppure sa che questo amore potrebbe portarlo alla morte, poiché così predice il suo fato: egli morirà al servizio della famiglia Novaek, gli spietati nemici del suo pianeta. Cyra ricambia l’amore di Akos con la stessa intrepida intensità, e ora che entrambi sono lontani dalla guerra alla deriva nello spazio cosmico a bordo di una nave trasporto, sembra quasi che le ombre scure del destino possano scomparire. Eppure un pesante segreto aleggia tra di loro: Lazmet Novaek, spietato tiranno e padre di Cyra, potrebbe essere ancora vivo. Questo cambierebbe tutto e rimetterebbe in gioco le loro vite e quelle dei loro cari, quella della giovane Cisi che ora ha deciso di seguire Isae assettata di vendetta, e del tormentato Eijeh senza più memoria…

Giunge all’epilogo la tormentata storia d’amore e di rivalità (ma i Romeo e Giulietta di Shakespeare non c’entrano) tra il predestinato di Thuvhe e l’erede degli shotet, con sullo sfondo una galassia senza confini e la misteriosa energia del flussocorrente che si manifesta attraverso straordinari e terribili poteri. Stavolta le voci narranti sono non due ma quattro: a Cyra e Akos si aggiungono quelle di Cisi ed Eijeh, entrambe in prima persona, forse un modo di arricchire con più punti di vista una trama già fitta e non sempre agevole da seguire. L’elemento più interessante di questo finale fantaromance che alla Space Opera mescola ingredienti sempre vincenti quali vendetta, amore, coraggio e morte, è il fatto che qualcuno ha cambiato i destini già scritti alla nascita dei due protagonisti, e questo rimescola ancora una volta le carte del fato ineluttabile (ma non troppo). Akos potrà finalmente decidere da solo, dovrà scegliere senza certezza che la sua scelta sia quella giusta, e il suo rapporto con Cyra verrà messo a dura prova. Sempre avvincente e precisa la scrittura di Veronica Roth, e ben calibrato l’uso dei colpi di scena, il romanzo si giova della bravura nel caratterizzare i personaggi e del talento narrativo della scrittrice newyorkese, ormai affermatasi nella letteratura young adults dal suo esordio nel 2011.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER