Il potere del numero sei

Il potere del numero sei
Mi chiamo Marina, e sono la numero Sette, ovvero il settimo combattente Garde inviato sulla Terra per sfuggire all’assalto dei terribili Mogadorian. Lorien è il nostro pianeta d’origine e, per quanto ne so, sta ancora aspettando che i nove guerrieri ed i loro tutori riescano a trovare la forza ed i poteri giusti per sconfiggere i terribili assalitori Mog. Ma il tempo passa e io e la mia Cêpan non facciamo altro che nasconderci. Appena sbarcate sulla Terra, abbiamo iniziato una fuga che 11 anni fa è terminata in questo convento in Spagna. Da allora il tempo si è fermato. Non sono sicura che Adelina si ricordi di Lorien e della promessa di rivalsa. Ormai sono anni che lei si finge suora, mentre a me è toccato il dormitorio delle orfane. Ed è proprio così che mi sento: abbandonata ed isolata dal mondo. Se non fosse per internet forse anche io avrei perso le speranze. Ma grazie al web ho scoperto che sul pianeta stanno succedendo fatti miracolosi e penso di sapere chi ne sono gli artefici. A Paradise, per esempio, in Ohio, un ragazzo ha compiuto atti incredibili ed eroici per salvare una giovane compagna di scuola da una casa in fiamme. Non so molto della storia, ma sono sicura che lui sia uno di noi. Come se non bastasse, da mesi sogno una ragazza dai capelli e gli abiti scuri che mi porge una mano. Sento che queste sono le risposte che stavo ancora cercando e l’inizio della mia nuova vita. Lo sento, come sento crescere i miei poteri. Devo andare via di qui. Con o senza Adelina. Devo trovare il modo di fuggire e partire alla ricerca dei mie compagni. Io sono il numero Sette, e finché il numero Quattro sarà salvo avremo tutti una speranza…
Con Il potere del numero Sei, Pittacus Lore ci guida attraverso il secondo capitolo della sua saga fantasy "The Lorien Legacy". Dietro al nome del patriarca loreniano troviamo i due autori Jobie Hughes e James Frey, che entrano nel vivo della storia dei giovani guerrieri Garde e delle loro mirabolanti avventure. È da questo romanzo, infatti, che iniziano a profilarsi i differenti personaggi, a partire dai ritrovati Sei e Quattro, alias John Smith, che intrecciano le loro storie con Marina, la numero Sette. E se dopo lo sbarco sulla Terra i nostri guerrieri sono stati separati come protezione dai terribili Mog, adesso che i loro poteri stanno crescendo i giovani Garde si rendono conto che solo l’unione potrà renderli invincibili, anche se paradossalmente vulnerabili. Inizia quindi una lunga ricerca che porterà Quattro e Sam Goode, il suo inseparabile amico terrestre, a seguire le tracce lasciate dal defunto Hernry, mentre Sei si metterà alla ricerca di Sette, localizzata in un paesino sperduto della Spagna. Il ritmo serrato della narrazione e il frequente cambio di narratore rendono questo romanzo irresistibile e dinamico. La sempre maggiore caratterizzazione dei personaggi, inoltre, ci trascina in un nuovo mondo fatto di guerrieri e di poteri magici, ma anche di ragazzi che, orfani dei loro guardiani, devono affrontare sempre crescenti pericoli e responsabilità. Un romanzo quindi ricco di mistero e di azione, che abbandona per un attimo la love story iniziata nel primo romanzo per dedicare maggiore spazio all’azione ed alle risposte. E mentre i primi tasselli vanno al loro posto, nuove avventure si aprono all’orizzonte. Dei nove guardiani partiti ora ne sono rimasti sei. Chi di loro incontreremo adesso?

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER