Il ragazzo cattivo

Il ragazzo cattivo
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

8 luglio 1895. Alle sei del mattino in un quartiere proletario ma rispettabile della zona portuale di Londra, il tredicenne Robert Coombes e suo fratello minore Nathaniel escono dalla porta posteriore di casa e si recano da un vicino per consegnargli il loro affitto. Non saranno in casa quando il padrone passerà. “Nostro padre” dice Rob, “si è imbarcato pochi giorni fa per l’Atlantico, non tornerà a breve e noi andremo a vedere una partita di cricket”. “E vostra madre non vi accompagna?” domanda incuriosito il vicino. “No, ieri abbiamo ricevuto un telegramma da Liverpool e mamma deve partire. Uno zio ricco è morto in Africa e la zia vuole vederla”. Di sera i ragazzi tornano a casa e si sistemano nel salottino sul retro: Robert sul divano e Nat sulla poltrona. Si addormentano vestiti. È in quella stanza che Robert costudisce la sua amata collezione di avventure melodrammatiche “Penny Dreadful”. Il giorno dopo i ragazzi vanno in cerca di un amico del padre: “Vieni a stare da noi, nostra madre desidera che sia tu a tenerci d'occhio finché lei è via”. L’uomo accetta senza far troppe domande, ma quando i fratelli Coombes gli impediscono di salire al piano superiore comincia a sospettare. Anche l’odore si fa sempre più sgradevole: in casa c’è un cadavere in decomposizione...

Kate Summerscale ne Il ragazzo cattivo ricostruisce un caso di cronaca avvenuto nella Londra vittoriana che potrebbe succedere anche oggi: un ragazzino uccide la madre a coltellate e poi, come se niente fosse, va a una partita di cricket. Nel riportare la notizia, i media dell’epoca diedero molto risalto alle letture del giovane: la serie “Penny dreadful” – ovvero dei giornalini di poco prezzo che Summerscale sul “Guardian” ha definito “l’equivalente vittoriano dei moderni videogame”. Il ragazzo cattivo, al contrario, si concentra sui fatti: l’autrice ricostruisce gli spostamenti dei fratelli Coombes servendosi delle fonti più disparate (dalle mappa storica di Londra alla recensione di uno spettacolo teatrale che i ragazzi vanno a vedere) e soprattutto ripercorrendo la vita di Robert sia prima dell’omicidio che dopo, con un approfondimento sul suo rapporto con la madre. È chiaro che lo scopo non è quello di perdonare il ragazzo, ma solo di scavare a fondo nella verità e di dar risalto anche alla “seconda vita” di Rob (diventerà, tra le altre cose, eroe di guerra). Una pista di lettura, ugualmente interessante, potrebbe essere: può la letteratura traviare la mente? Ironicamente, Summerscale risponde con un romanzo scritto come una storia a puntate.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER