Il rifugio dei cuori solitari

Il rifugio dei cuori solitari
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
All’inizio di febbraio - soltanto due settimane fa - Rachel Fielding era una donna in carriera. Lavorava come PR per una società, aveva un compagno che le regalava spesso dei fiori, vestiva alla moda, dimostrava meno dei suoi trentanove anni e al suo servizio aveva una donna delle pulizie. Oggi Rachel ha perso il lavoro, l’amore, il suo appartamento di Chiswick. Il suo unico desiderio ora è quello di stare ad ascoltare i Joy Division e affogarsi nel gelato. Invece, per un ulteriore punizione divina, si trova seduta nello studio legale di un avvocato di Longhampton, piccola cittadina rurale, dove un uomo di mezza età le comunica di aver ereditato la “tenuta di ragguardevoli dimensioni” della zia Dot. La zia Dot è una leggenda nella famiglia di Rachel; era considerata un po’ svitata, vista la sua passione per i cani. L’eredità infatti non consiste solo in una tenuta di ragguardevoli dimensioni, ma anche in un canile con all’interno cani abbandonati. In più la stravagante zitella zia Dot le ha lasciato Gem, un border collie di sette anni. Rachel non ama i cani, o meglio le sono del tutto indifferenti. In fondo lei è una donna in carriera che aveva un magnifico uomo al suo fianco e poco tempo da dedicare a un cane che avrebbe disseminato di peli i suoi costosissimi abiti griffati. Ma quello era il passato. L’uomo che amava  era tornato tra le braccia della moglie, e lavorando nello stesso posto lei aveva potuto solo licenziarsi e perdere tutto. Così l’unico suo pensiero adesso è quello di far valutare la tenuta della zia, venderla e scappare al più presto da quel piccolo paese per tornare nella grande città. Purtroppo, quando si incontra un cane, niente è scontato …
La vita ci mette sempre alla prova e alle strette. Quando la ruota gira male, si crede di essere in preda alla sfiga più nera e ci si domanda quale sia stata la nostra colpa. La filosofia buddista insegna che dopo un grande male c’è sempre un grande bene e che l’inverno si trasforma sempre in primavera. Ed è questo che accade a Rachel. Perché incontrare un cane può cambiarti la vita, e non si tratta di una frase fatta. La britannica Lucy Dillon con Il rifugio dei cuori solitari è alla sua seconda opera narrativa.  Nella prima ha raccontato la sua passione per il ballo, in questa narra dei nostri stupendi amici a quattro zampe e di padroni che spesso abbandonano i loro amati compagni per strada, o quando va meglio direttamente di fronte al cancello del canile. Storie tristi, storie che ti tormentano durante la notte mentre cerchi di dormire, sotto il caldo rassicurante delle coperte. Storie che fanno rabbrividire anche gli uomini più rudi e freddi. Perché è questo che sono in grado di trasmettere i servizi di telegiornale o gli articoli dei quotidiani sui maltrattamenti agli animali. Storie che non hanno quasi mai un lieto fine. Ma in questo libro l’ottimista Dillon, ci racconta di un canile all’avanguardia, dove ogni cane ha la sua cuccia, la sua ciotola dell’acqua. Dove i teneri e impauriti quattrozampe ottengono amore e coccole. Dove volontari determinati e sorridenti, veri amici degli animali, li portano in giro a fare delle lunghe passeggiate, a correre su verdi prati. Dove il cibo non manca e soprattutto dove prima di affidare un cane ad un nuovo proprietario vengono fatti scrupolosi controlli. Un canile descritto come un paradiso, insomma. Purtroppo la realtà non è sempre quella che si legge nei libri, e chi ama gli animali lo sa bene. Ma forse è proprio questo che rende Il rifugio dei cuori solitari, una lettura piacevole, scorrevole: la voglia di sperare che ogni cane abbandonato prima o poi riesca a trovare qualcuno che lo ami in maniera incondizionata. Nonostante la grossa mole del libro, ben oltre le 450 pagine esclusi ringraziamenti o prefazioni, le varie storie personali che si alternano a quella di Rachel, cioè quelle di Megan - volontaria 24 ore su 24 - e dell’affascinante e rude veterinario George, rendono la trama fitta e accattivante.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER