Il rifugio delle puttane

Il rifugio delle puttane
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Edward Fraser è poco più di un ragazzo quando conosce quello che diventerà il suo migliore amico, Stephen Chapman. I due si conoscono grazie al caso che li ha destinati agli stessi alloggi del Worcester College e diventano col tempo inseparabili. Sebbene interessati a due argomenti agli antipodi - Edward infatti è un teologo mentre Stephen è un medico dell’apparato riproduttivo femminile - trovano fin da subito l’uno nell’altro caratteristiche e qualità che li completano. Molto diversi anche nell’aspetto fisico (mentre Edward già inizia a perdere i capelli Stephen è invece un bel ragazzo dagli occhi azzurri e i capelli biondo scuro), formano una ben strana coppia quando passeggiano per i chiostri dell’Università di Oxford. La loro amicizia, per i successivi quattro anni cresce e si fortifica tra conversazioni erudite, fumando sigari e disquisendo sui più svariati temi, e gare di canottaggio. Ma anche le più salde amicizie, molto spesso, possono venire minate da una cosa: l’amore per una donna. Diana Pelham, la donna in questione, è la direttrice di un rifugio per “donne perdute” nel quartiere di Jericho, un labirinto di strade in cui il peccato regna sovrano. Come può Edward, uomo votato alle materie religiose, dire di conoscere questa donna tanto bella quanto misteriosa? E perché è tanto importante per lui che Stephen non la sposi? Quello che condividono Diana e Fraser è un segreto sepolto da anni di bugie…

La storia che ci racconta Katy Darby è, come lei stessa spiega attraverso le parole di un suo personaggio, “tanto straordinaria quanto ammonitrice, tanto scioccante quanto, infine, edificante”. Un romanzo che, a tratti, sembra contenere al suo interno diversi generi: melodramma, romanzo gotico e di denuncia sociale. Tre generi che sembrano molto lontani tra loro ma che l’autrice riesce a unire insieme con successo. Darby, inoltre, sembra invitarci all’azione e da subito - grazie alla narrazione fluida delle memorie dei protagonisti - siamo trasportati prima all’interno del Worcester College di Oxford, poi tra le strade tortuose di Jericho e anche nella Cambridge universitaria. La forza della storia sta anche qui: nella convincente caratterizzazione degli ambienti in cui i personaggi si muovono. Riusciamo senza problemi a districarci tra le vie che l’autrice ci descrive con dovizia di particolari. Katy Darby, dopo aver studiato letteratura inglese al Somerville College, ha conseguito un diploma in Scrittura Creativa all’Università dell’East Anglia. Trovando da sempre ispirazione nella scrittura di Wilkie Collins e Arthur Conan Doyle, non ci sorprende che leggendo questo libro si abbia l’impressione che l’autrice voglia proporci una storia scritta in epoca vittoriana, ma con la sfrontatezza della letteratura contemporanea.

 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER