Il sale della foresta

Il sale della foresta
Hieu a 17 anni viene mandato a passare qualche tempo in un villaggio di campagna: qui scopre le leggi della Natura, assapora la saggezza degli anziani, conosce i primi turbamenti sessuali e incontra Trieu, un professore originario della campagna che è tornato dalla città alle sue radici e insegna ai contadini per 'farsi perdonare' le angherie della classe dirigente verso la manodopera agricola. Di lì a poco Trieu si sacrificherà per salvare un bambino... Un ragazzo va a caccia di scimmie nella foresta, e dopo aver individuato un branco ferisce un bellissimo esemplare maschio. La femmina, sconvolta, cerca di aiutare in ogni modo il compagno ferito a fuggire, ed inizia allora un inseguimento all'ultimo respiro... Una squadra di taglialegna vaga nelel campagne alla ricerca di lavoro e incontra uno sfruttatore...
Nguyen Huy Thiep, considerato il più importante scrittore vietnamita contemporaneo, è uno storico educato sin da piccolo alla tolleranza e al relativismo culturale: sua madre era buddhista, suo nonno confuciano e lui ha frequentato scuole cattoliche. Nulla di strano quindi che le sue opere siano un inno alla giustizia, all'uguaglianza, alla necessità di riscatto delle classi meno abbienti e più oppresse. I suoi scritti, sin dagli esordi a metà degli anni '80, hanno suscitato un vivo scandalo, l'ostracismo da parte degli editori vietnamiti e addirittura gli arresti domiciliari. Dopo la fama in patria e all'estero, Thiep è stato parzialmente riabilitato, ma resta la spina nel fianco del regime vietnamita, la coscienza critica del sud-est asiatico. Questi racconti portano con loro intatto tutto il fascino di una cultura millenaria, di paesaggi molto lontani da noi ma non per questo meno capaci di avvicinarsi al nostro cuore. Da scoprire.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER