Il tempo migliore della nostra vita

Il tempo migliore della nostra vita

8 gennaio 1934. Un giovane di neppure venticinque anni si rifiuta di prestare giuramento di fedeltà al fascismo. Quel giovane è un brillante, promettente, integerrimo docente di letteratura russa presso l'Università di Torino, che ha illustrato Puškin nel suo corso prima della fatidica scelta e che avrebbe poi insegnato ai suoi allievi Herzen, se ne avesse avuto la possibilità. Ma con quel suo “no” “s’incammina verso la propria fine”. Lui è Leone Ginzburg. Ed è il quattordicesimo professore universitario ordinario a dire apertamente, serenamente quasi, quel no, nei ventotto mesi che intercorrono dalla data in cui è stato emanato l’obbligo di fedeltà a quel primo mese dell’anno 1934. Quattordici su milletrecento circa. Poco tempo prima, il 19 luglio 1933, in “un piccolo centro padano” alle porte di Milano, a Cusano Milanino, nasceva -finalmente, a lungo atteso- Luigi Scurati. Pochi anni prima a Napoli, invece, Peppino Ferrieri si era legato ad Ida. Peppino “tira i fili per passione e per bisogno”: il suo mestiere, infatti, è quella del puparo e la passione di Peppino è la recitazione...


Antonio Scurati ci regala una storia: la storia di un uomo. Coerente, onesto, scrupoloso nel lavoro, attivo nelle relazioni. Ci regala un affresco di un periodo storico tormentato e terribile riportando lettere, date, testimonianze e mantenendo un tono quasi distaccato rispetto a quanto narrato, senza indugiare in inutili sentimentalismi o ricamando sui presunti sentimenti dei protagonisti. Bastano, in fondo, le parole che Ginzuburg scrive alla madre dalle sue prigionie, o l'ultima, tenerissima, lettera di Leone alla moglie Natalia, quasi un manifesto della persona stessa e dei suoi ideali. La vita delle tre famiglie che l'autore sceglie di raccontare vengono illuminate da flash lungo gli anni della guerra, narrando di nascite e di morti, delle scelte politiche e dei tentativi di mettersi in salvo e sopravvivere. Ma Antonio Scurati ci mette anche in guardia da facili commozioni o da “struggimenti” rispetto ad epoche nelle quali si lottava per la vita, per la libertà. È una mancanza di rispetto, ci ammonisce Scurati, nei confronti di chi quelle difficoltà le ha vissute davvero, “è lo sproposito di chi non ha mai avuto altro che pace”.





Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER