Il vagabondo dello spazio

Il vagabondo dello spazio
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

Craig odia le donne. Odia anche l'uomo, ciò che rappresenta, la società civile che ormai sembra impestare buona parte del sistema solare. Craig beve spesso e molto, vive al limite di ciò che comunemente è definita legge. Quasi non ricorda più il tempo in cui era anche lui una persona civile, con tanto di moglie perfino. I tempi in cui ancora lo spazio era luogo di esplorazione e conquista, più che teatro di furberie e razzie. Aveva ancora due mani all'epoca Craig, lo ricorda ancora molto bene. Anche adesso, ad un'occhiata superficiale, sembra che continui ad averne due. È solo un'illusione, la perfezione apparente di una protesi... 
Un buon esempio di come ottenere un romanzo dalla fusione di una serie di racconti. I due racconti in questione furono pubblicati nel lontano 1949 ed ebbero una discreta fortuna di pubblico e critica. Da qui l'idea di Brown di ricavarne un romanzo quasi dieci anni dopo (1957): romanzo che, però, non venne accolto bene dalla critica. A differenza di gran parte della sua opera fantascientifica, infatti, questo Il vagabondo dello spazio abbandona le arguzie satiriche e umoristiche a favore di un tono serioso e speculativo. L'autore stavolta intende porsi delle domande di natura esistenziale, l'obiettivo e far riflettere il pubblico. Ne risulta un ritmo meno scoppiettante del solito, poche invenzioni narrative ma una cura maggiore della psicologia dei personaggi. Il punto di forza di quest'opera sono proprio i personaggi. Nessuno di essi rappresenta il bene o il male, né buoni né cattivi. Anzi, spesso proprio i rappresentanti dell'ordine costituito appaiono più amorali e irresponsabili. L'umanità stessa è ritratta in una piena e completa crisi di valori e stimoli. Un futuro, insomma, in cui la tecnologia sembra accelerare il declino dell'uomo. Un romanzo valido più oggi che negli anni Cinquanta.

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER