Il viaggio di Buddy

Il viaggio di Buddy
Buddy ha trascorso tutta la sua vita accanto ad Ethan, l’uomo che ha amato e di cui si è preso cura. È un cane anziano, di Ethan morto già da un po’ gli rimane il ricordo e l’odore ormai flebile nella fattoria in cui abita con Hannah, la moglie di Ethan. Hannah rammenta spesso che è stato proprio grazie a Buddy che ha ritrovato l’amore della sua vita. Il cane è ormai al termine dei suoi giorni, una grave malattia costringe Hannah a porre fine alle sue sofferenze. Buddy pensa che la sua esistenza come cane sia oramai finita, ha accompagnato Ethan per diverse vite e il suo scopo ora è concluso. Certo in più di un’occasione ha dovuto tirar fuori dai guai Clarity la nipotina di Ethan ed Hannah la cui madre, Gloria, è sempre troppo impegnata a prendere il sole invece che badare a lei. Ma mai avrebbe pensato che proprio per Clarity, che ormai adolescente preferisce farsi chiamare CJ, sarebbe nato di nuovo come cane. Si chiama Molly stavolta, e quando riconosce dall’odore quella ragazza che ha accompagnato l’amico Trent ad adottare un cane, fa di tutto per farsi portare via insieme al fratello Rocky e in qualche modo ci riesce. CJ per lei sfida le ire della madre che detesta i cani, per l’amore incondizionato che prova per Molly non esita a scappare di casa quando Gloria prova ad allontanarle…
W. Bruce Cameron, giornalista umoristico americano, dopo il grande successo del suo primo romanzo Dalla parte di Bailey, torna a raccontarci in un commovente sequel le avventure del cane che milioni di lettori in tutto il mondo hanno imparato ad amare. Il libro - a tratti divertente ed ironico - ci fa guardare il mondo con gli occhi dei nostri compagni, e inevitabilmente ci fa chiedere se siamo noi a prenderci cura dei cani che incontriamo e scegliamo nella vita o piuttosto se siano loro a farlo con noi. La lettura è appassionante, emozionante e coinvolgente. Chi ha dimestichezza con l’educazione cinofila noterà con piacere che l’autore ha inserito nel testo utili consigli e suggerimenti corretti rispetto alle attuali correnti di pensiero. Chi condivide già la sua vita con un cane non potrà non sorridere leggendo la storia di Buddy, Molly, Max e Toby, non potrà non commuoversi entrando in empatia con tutti i protagonisti del libro. Chi non ha mai avuto il privilegio di essere scelto da un cane non credo possa chiudere il libro senza porsi qualche domanda, o guardare con gli stessi occhi i cani che d’ora in poi incontrerà.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER