L’affare Mayerling

L’affare Mayerling
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Rouvières, Francia. Nonostante l’iniziale scetticismo, a colpire Braque sono gli elementi ricorrenti nelle pubblicità di progetti immobiliari, tutte con caratteristiche proprie ben definite: cielo limpido, gente allegra, prevalentemente famiglie e anziani. Energia e rassicurazione. Inoltre, i complessi residenziali hanno nomi improbabili ma ricercati. Ci sarebbe da scriverci una tesi di laurea sull’argomento. Nonostante questa bizzarra passione, né a Braque né al suo fidato amico è mai capitato materiale informativo sul condominio Mayerling, in pieno centro storico. Ex manicomio chiuso nel 1930 poi divenuto alloggio per gli ufficiali tedeschi, fino a subire il degrado dell’abbandono, oggi è una residenza di prestigio, particolarmente ambita. A dispetto dell’opposizione dell’Associazione dei residenti del quartiere Voltaire contro i progetti di edilizia sfrenata, tutti gli appartamenti sono stati venduti e lo stabile inizia a pulsare di vita nuova. Fin troppo: i Lemoine vedono trasformarsi il loro inizialmente sereno rapporto in un continuo conflitto; la signora Camy, vedova squisita e molto credente, si ritrova inspiegabilmente a desiderare di sedurre più di un giovane traslocatore; Lucien, figlio settenne dei Thuillier, da pargoletto si trasforma in un insopportabile bambino capriccioso ed irascibile. Le loro vite, come quelle di tutti gli altri inquilini, sembrano procedere serenamente finché non mettono piede a Mayerling…

Tra gli inquilini e il Mayerling è guerra aperta per la (ri)conquista della libertà e della serenità. Gli inquilini sono, in realtà, prigionieri dello stabile che è il vero protagonista de L’affare Mayerling, un romanzo condominiale ironico e spassoso, edito da L’orma nella collana Kreuzville, dedicata alla realtà contemporanea, con l’intento di mostrarne i lati oscuri e degradanti. Bernard Quiriny, quarantenne professore belga, ci mostra il condominio e i suoi abitanti attraverso lo sguardo ed i commenti del narratore (di cui si ignora il nome) e del suo amico Braque: i simpatici siparietti tra i due tengono le fila del racconto ed esprimono il biasimo per l’architettura contemporanea e lo stile borghese che rende l’uomo sempre più aggressivo e nevrotico, lontano dalla bellezza e dalle relazioni autentiche. Il tema amaramente attuale ed uno stile leggero e surreale, trascinano il lettore in un crescendo grottesco e feroce che esplode in un atto estremo che sa di rivoluzionario. Situazioni paradossali e sinistre, frammenti di storie di un’umanità inaridita, racconti brevi tenuti insieme dall’ossatura stabile del Mayerling, critica sociale, stile eccentrico, fanno de L’affare Mayerling un romanzo apprezzabile sebbene poco noto nel panorama internazionale. Sarà ancora attuale il vecchio adagio “Casa dolce casa”?



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER