L’età adulta

L’età adulta

Mary Rose MacKinnon continua incessantemente a controllare la posta elettronica seduta al tavolo della sua cucina. La sua compagna, Hilary, è fuori Toronto per portare in scena L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde, la loro figlia più piccola gioca davanti a lei con il loro cane e il più grande è a scuola. Un lunedì mattina come tanti altri, passato a sistemare casa, a sbrigare le incombenze, a cercare di cominciare il suo nuovo romanzo (il terzo a conclusione di una trilogia di romanzi young adults). Eppure. Eppure qualcosa che aveva dimenticato fa capolino, così, inaspettatamente: il dolore al braccio, eredità di una cisti ossea asportata più volte da bambina, sembra mandare segnali inequivocabili che la rimandano a quelle sensazioni di disagio, sofferenza, paura, di quando era solo una ragazzina. E tutto, ma proprio tutto, sembra cominciare a sgretolarsi sotto gli occhi impotenti di Mary Rose…

L’età adulta è il terzo romanzo della scrittrice canadese Ann-Marie MacDonald. La storia, scopriamo leggendo alcune interviste, è in parte autobiografica: la protagonista dell’ultimo romanzo ricorda la sua infanzia in Germania esattamente come quella dell’autrice, che si è trasferita più volte in Europa a seguito del padre ufficiale in aeronautica. Tutto il lavoro è permeato dal dolore, dalla sofferenza, nel corpo della protagonista e nello spirito, come se il tempo non fosse minimamente riuscito a cicatrizzare quei traumi vissuti nella terra di confine tra l’infanzia e l’adolescenza. Il romanzo mescola più piani temporali: presente e passato convivono in un continuo flusso di coscienza della protagonista che si perde nei meandri della sua mente, nel labirinto dei ricordi, rischiando di ipotecare il suo presente, la sua famiglia, per riannodare i fili sparsi del suo passato. Romanzo complesso, che a volte sembra aggrovigliarsi su se stesso e fa fatica a farsi decodificare dal lettore, L’età adulta va letto con calma, poco a poco, per riscoprire il fascino nascosto della scrittura, la potenza dirompente della verità che, dopo una lunga sofferenza, arriva e riporta tutto in equilibrio.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER