L’ospedale delle rane

L’ospedale delle rane
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Articolo di: 

Berie Carr, quarantenne americana, è seduta accanto a suo marito in un locale di Parigi a mangiare cervello, come tutte le sere. A suo marito piace mangiare il cervello, adora la sua consistenza morbida e vaporosa così simile a quella di una mousse di pesce. Crede che si tratti di una specie di frutto di mare e ne assapora ogni boccone. Berie invece mangia alla ricerca di un flashback. Non è concentrata. Non è lì con suo marito. Con la mente è in un altrove completamente diverso nello spazio e nel tempo, in una dimensione onirica che la conduce dritta dritta nel passato. La sua mente vola infatti a migliaia di miglia da Parigi, a Horseheart, la cittadina dove è nata e cresciuta, dove ha trascorso parte della sua adolescenza. È in questo flusso di ricordi e immagini che tornano a farle visita dal passato, che la donna rivede la sua amica Sils, con la quale ha condiviso l’infanzia trascorrendo giornate emozionanti a curare le rane ferite dai ragazzi con fucili ad aria compressa. Sils era bellissima ma molto inquieta, corteggiata e desiderata da tutti i ragazzi eppure tanto indipendente e spregiudicata. Insieme a lei, Berie rivede anche un passato lontano abitato da una famiglia eccentrica e particolare, da una casa sempre affollata di ospiti giunti da ogni parte del mondo. La nostalgia è dietro l’angolo perché i tempi passati, quei tempi in cui tutto sembrava possibile e pregno di amore e sentimento, non torneranno più…

L’ospedale delle rane di Lorrie Moore è un romanzo sorprendente e poetico che scava in quella terra di mezzo che è l’adolescenza. Attraverso la vita di due giovani ragazze, l’autrice mette in scena sul palcoscenico della letteratura una storia variegata e intensa che cattura il lettore e lo trascina in un viaggio selvaggio alla scoperta del mondo adulto. I primi amori, le paure, le insicurezze, il tentativo di trovare il proprio posto nel mondo: sono questi i temi toccati da questa storia con delicatezza ma allo stesso tempo con profonda verità. La capacità della scrittrice di calarsi pienamente nella psiche dei personaggi è encomiabile così come lo spessore linguistico e stilistico che riveste la narrazione. Nessuna parola è lasciata al caso, nessun verbo, nessuna virgola. Le frasi sanno distendersi e contrarsi all’occorrenza, le allitterazioni affiorano improvvise proprio dove più possono incantare il lettore. Il lessico è ricercato ma senza virtuosismi o autoreferenzialità e sa farsi trampolino per una storia potente che a ogni pagina riesce a spiccare il volo con immediatezza e leggiadria. L’ospedale delle rane è un’ottima prova letteraria dove materia narrativa e preziosità della parola si coniugano in un abbraccio perfetto e avvolgente. Un romanzo che aiuta a comprendere l’animo umano e che delizia capitolo dopo capitolo.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER