La cartella del professore

La cartella del professore
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Tsukiko è una donna indipendente di trentotto anni. Non ha una storia importante e ama passare il suo tempo a bere in una delle tante nomi-ya della capitale giapponese. Una sera per caso rincontra il suo vecchio professore, che l’accompagna nella bevuta di sake caldo accompagnato da piatti veloci e preparati al momento. Il Prof diventa piano piano un compagno di bevute e di uscite notturne, spesso ad altissimo tasso alcolico: la rilassatezza donata dall’alcol permette ai due di conoscersi un po’ meglio. Lui, sempre ben vestito, con la cartella di ordinanza, dalla schiena eretta e dalla giusta postura, pronto a redarguirla sul linguaggio e sul comportamento più appropriato da tenere; lei, diretta, poco incline ai rapporti umani e costantemente inopportuna. Fanno parte di due generazioni diverse che rappresentano il Giappone in modo totalmente distante per etichette e stili di vita: se per lui è inconcepibile che una donna versi da bere ad un uomo, per lei è altrettanto inimmaginabile che lui riesca a vivere senza un telefono cellulare. Dandosi del “lei”, con i loro tempi fuori dall’ordinario, imbattendosi casualmente nell’altro o passeggiando tra boschi o sotto la pioggia, diventano lentamente indispensabili l’uno per l’altra, abbandonandosi ad un sentimento che arricchirà le loro vite...

La leggerezza poetica con cui Kawakami Hiromi racconta questa storia d’amore è la sua cifra stilistica, che l’ha resa una delle più importanti scrittrici del suo Paese (proprio per questo romanzo ha ottenuto nel 2001 l’ambitissimo premio Tanizaki). Il suo modo di narrare i sentimenti e le passioni umani è anni luce lontano da quello di scrittori suoi contemporanei più famosi come Murakami Haruki o Natsuo Kirino. Entrambi i protagonisti sembrano non pensarci troppo, ma come fosse scontato si amano con la stessa naturalezza con cui assaggiano il tofu appena cotto. Tokyo è una città enorme che non ostacola però i loro incontri fortuiti. Tsukiko e il Prof non vengono risucchiati dalla folla caotica della capitale: sono l’una la certezza dell’altro, anche nella temporanea assenza. Il loro percorso è scandito dalla poesia giapponese, con le citazioni del vecchio professore di liceo, che non si lascia scappare l’occasione per tornare in cattedra e erudire la sua amata allieva. Anche la descrizione della natura e del tempo atmosferico (non a caso il titolo della traduzione inglese di questo romanzo è proprio Strange weather in Tokyo) va di pari passo con quella della loro consapevolezza interiore. Finale poetico in linea perfetta con il resto del libro.

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER