La casa dei cani fantasma

La casa dei cani fantasma

Cameron è nel seminterrato e gioca a “Zombie Attack”, il suo videogame preferito. Ha tolto anche il volume perché sa che sua madre non condivide. Lei è al piano di sopra, il cellulare stretto nella mano, e sta per chiamare la polizia: è convinta che anche stavolta il padre di Cameron abbia scoperto dove abitano e li stia osservando dalla strada. Cameron non vede suo padre da quando ha otto anni, non ha che ricordi vaghi, ora di certo dovranno di nuovo scappare. Stavolta andranno in campagna, a Wolf Hollow, in una fattoria di proprietà del signor Sinclair. Ken Armstrong, l’agente immobiliare, mostra la nuova dimora a lui e sua madre e a Cameron non piacciono né la casa, né lui che cerca di far colpo su sua madre. Ha dovuto di nuovo lasciare gli amici e nella nuova scuola ci sono già i soliti bulli pronti a prendersela con lui, soprattutto il prepotente Cody. Sulla fattoria girano strane leggende, un branco di cani si aggirerebbe di notte intorno alla casa e Cameron è certo di sentirli passare dentro i campi di mais…

È un’avvincente storia nera quella che Allan Stratton affida a Cameron Weaver, il suo giovane e coraggioso protagonista che affronta dubbi, paure e difficoltà tipiche di adolescenti in bilico tra le emozioni dell’infanzia e le responsabilità dell’età adulta. Un padre difficile e la separazione da sua madre non rendono certo più sopportabili i continui cambiamenti a cui è costretto. Lo scrittore e sceneggiatore canadese, premiato e pubblicato in tutto il mondo inchioda alla lettura con una storia di ragazzi e per i ragazzi, avvincente però anche per un pubblico più adulto, sospeso tra sogni e realtà come si legge in copertina fino all’ultima pagina non si saprà cosa è vero e cosa è inventato. Un riflettore acceso su tematiche quanto mai attuali e difficili nascoste in una trama dal ritmo incalzante: troppo spesso adolescenti inquieti si trovano a dover fare i conti con situazioni dure, che spesso si nascondono proprio all’interno della famiglia che dovrebbe proteggerli.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER