La classe dei misteri

La classe dei misteri
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Il “ST Oswald”, illustre collegio maschile la cui fama e i meriti sono noti da centinaia d’anni, viene travolto dal cambiamento. I conti non sono in regola, gli iscritti diminuiscono, gli scandali si fanno sentire, il corpo accademico invecchia senza riuscire a reggere sulle proprie spalle il nome ingombrante dell’istituto religioso. A sottovalutare la situazione, almeno al principio, è il vecchio professore Roy Straitley, insegnante di latino, convinto che la scelta di incaricare un nuovo Rettore sia solo di facciata e non comporti grandi scossoni. Almeno finché Straitley ‒ soprannominato Quasi dagli studenti perché come Quasimodo sembra un doccione e vive nella torre campanaria ‒ non scopre il nome dell’incaricato: Johnny Harrington, un suo ex studente, un individuo che sperava di non incontrare più nel corso della sua esistenza. Invece Johnny è ora davanti a lui, col suo sorriso mellifluo, i modi accattivanti, lo sguardo sfuggente che nasconde gli abissi più profondi della corruzione umana. Nessuno se ne accorge e per il vecchio Straitley quel confronto riporta a galla il periodo più buio della sua carriera, ma questa volta dovrà fare il possibile per smascherare Johnny e fare in modo che le sue reali intenzioni non danneggino per sempre la scuola, gli studenti e i docenti: “E gli uomini come John Harrington sanno come mettere in moto altri uomini, caricare il meccanismo, muovere i fili, farli agire in direzioni che loro credono di aver scelto da sé”…

La narrazione corre su due linee temporali, nella prima ci sono principalmente i ricordi dello studente David Spikely risalenti al 1981: l’arrivo a St Oswald, la necessità di ambientarsi, nascondere quella che definisce “la mia Condizione” e interpretare il ruolo che ci si aspetta da lui, pensieri che il ragazzo riporta su un diario ribattezzato Mousey e che farebbero accapponare la pelle a qualunque psichiatra. Nella seconda ci sono gli eventi del 2005 narrati in prima persona dall’anziano Roy Straitley, che manifesta le impressioni legate all’arrivo del Rettore con i terribili ricordi relativi all’Harrington studente. Una voce inascoltata la sua, con la frustrazione che ciò comporta. Due figure che rappresentano lo scontro tra gioventù e maturità, metodi accademici obsoleti e tecniche moderne debitrici alla tecnologia e a un approccio aziendale che considera gli studenti come clienti. Così tra pregiudizi, rivalità accademiche e intrighi la storia svela gli animi dei personaggi, la loro indole e la forza che li spinge ad agire, a volte sacrificando amicizie e vite con leggerezza. La manipolazione dei fatti ha radici lontane, i traumi infantili dei ragazzini coinvolti si mescolano all’ingerenza della Chiesa e alla fobia verso il diverso, fino a montare un meccanismo che negli anni stringerà St Oswald in una morsa. Purtroppo argomenti intensi e atmosfere coinvolgenti meriterebbero uno stile più agile, sfrondato di un eccesso di descrittivismo e riflessioni introspettive, spesso ripetitivi. Autrice inglese con una ricca produzione letteraria alle spalle, Joanne Harris è diventata ancor più famosa grazie al film Chocolat, tratto dal suo romanzo del 1999. La classe dei misteri, in originale Different class, segue la pubblicazione del romanzo La classe dei desideri nel 2005 e quella de Il ragazzo con gli occhi blu nel 2010, che conservano le medesime ambientazioni e personaggi in comune.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER