La figlia del dottor Baudoin

La figlia del dottor Baudoin
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Jean Baudoin è un affascinante ed affermato medico. Ha uno studio dove ogni giorno riceve decine e decine di pazienti a cui cerca di dedicare meno tempo possibile prescrivendo farmaci su farmaci. Ha una bella e devota moglie, Stéphanie, e tre amatissimi figli: la diciassettenne Violaine, il quindicenne Paul-Louisiana e la piccola Cerise, di appena otto anni. La sua vita trascorre serena anche se il lavoro gli piace sempre meno, è oramai ripetitivo e stanco e per questo divide lo studio con il giovane collega Vianney Chasseloup a suo giudizio non troppo sveglio e neppure brillante, ma sempre disponibile, instancabile e succube della sua ingombrante personalità. Ma la routine di tutta la famiglia Baudoin viene scossa da un evento inaspettato quanto destabilizzante. Violaine scopre di essere rimasta incinta e dopo averlo confidato alla sua migliore amica decide di interrompere la gravidanza ed inizia un pellegrinaggio che la porterà per uno strano gioco di coincidenze ad essere assistita dal dottor Chasseloup, che tutto avrebbe immaginato né tantomeno voluto tranne quello. L’incontro fortuito col giovane medico sarà però portatore di molti cambiamenti…

Questo breve e delicato romanzo è uscito in Francia per l’école des loisirs nel 2006, arriva in Italia più di dieci anni dopo. Camelozampa lo pubblica dopo aver tradotto della stessa autrice anche Gesù, come un romanzo nel 2015 e Natale su tutti i piani l’anno successivo, e fa bene perché ci ha dato la possibilità di conoscere un’autrice che nel suo Paese ha già all’attivo oltre ottanta testi per ragazzi, un’autrice dalla scrittura leggera ed efficace che sa raccontare con grazia una storia dalle mille sfaccettature senza pedanteria, senza sfociare nel già sentito o nella banalità. Personaggi ben tratteggiati, dialoghi divertenti, una prosa che scorre velocemente, adatta a lettori di ogni età contenuta in un libro che ha dalla sua anche una bella veste grafica e una grandezza del carattere scelto per le pagine che non affatica la vista. Cosa che, dopo una certa età, non è affatto di secondaria importanza.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER