La giovinezza

In un lussuoso hotel immerso negli incantevoli paesaggi montani delle Alpi svizzere, due amici ormai anziani trascorrono una rilassante vacanza. Il primo è Fred Ballinger, famosissimo compositore e direttore d'orchestra inglese ritiratosi dalle scene e soprattutto noto per aver scritto le celebri Canzoni piacevoli, mentre Mick Boyle è un regista che, insieme a un gruppo di giovani sceneggiatori, sta scrivendo quello che dovrebbe essere il suo film testamento. Con loro Lena, la figlia di Fred e che è stata appena abbandonata dal marito e figlio di Mick, e Jimmy Tree, famoso attore hollywoodiano impegnato nella preparazione di un personaggio. I due anziani, osservando le vite dei propri figli, discutono sulla giovinezza che appare ormai lontanissima e quasi del tutto dimenticata. Il pretesto è anche una vecchia fiamma comune, che da giovani li mise in competizione. Ma se per il compositore il passato è pura malinconia priva di ricordi mnemonici, per il regista conta quel che ancora resta da vivere. Questo film, infatti, sarà il suo più grande successo. L'invito della Regina d'Inghilterra a dirigere di nuovo per Fred, e il rifiuto di una nota attrice a partecipare al film per Mick, saranno i motivi scatenanti di due decisioni drastiche...

Se di solito dal libro nasce un film, questa volta la direzione è opposta. Dal film, dalla stesura della sceneggiatura, scaturisce questo libro. Questo perché la creazione della sceneggiatura del più recente film di Sorrentino è nata in maniera fluida, priva della struttura stemperante tipica della scrittura cinematografica. Il risultato non lascia però del tutto soddisfatti, raccontando di un film che, forse ancora più degli altri, si nutre di fotografia e musica, nel volumetto poco più che indicazioni. Nel libro i dialoghi appaiono ancor più freddi e le situazioni ancora più distanti che nel film. Ma chi ha visto la pellicola qui scoprirà scene tagliate e varianti, come il nome delle composizioni, che da Canzoni piacevoli nel film diventano Canzoni semplici, e scambi di battute mancanti, forse aggiunte dagli attori durante la recitazione.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER