La nera

Un excursus sulla cronaca nera italiana degli ultimi sessant'anni raccontata dallo scrittore Carlo Lucarelli e dal criminologo Massimo Picozzi attraverso le fotografie di 35 casi scelti fra quelli più famosi accaduti dall'immediato dopoguerra ad oggi. Casi risolti pienamente (come quello che vide protagonista 'Er canaro', assicurato presto alla giustizia), solo parzialmente (il massacro del Circeo) o addirittura rimasti a tutt'oggi insoluti, come il delitto di Via Poma e quello dell'Olgiata...

Carlo Lucarelli ormai non ha bisogno di presentazioni: oltre ad essere uno degli scrittori italiani contemporanei più famosi è anche un personaggio televisivo seguitissimo nelle vesti di conduttore (e autore) della trasmissione “Blue notte – Misteri italiani”, in onda sulla Rai da circa un decennio in varie formule e con crescente successo. Da alcuni anni ha praticamente effettuato una sintesi tra l'esperienza di scrittore di noir e quella di giornalista-conduttore televisivo realizzando, sempre in coppia con lo psichiatra e criminologo Massimo Picozzi (perito in famosi casi della cronaca nera degli ultimi anni tra cui il delitto di Cogne e la vicenda di Erika e Omar), alcuni libri che affrontano gli aspetti più vari e 'tecnici' della cronaca nera: dai profili dei serial killer al lavoro scientifico e investigativo inerente la scena del crimine. Tra i libri scritti in tandem dai due autori emerge sicuramente La nera, una vera e propria storia fotografica di numerosi delitti italiani dal 1945 ai nostri giorni. Il volume, di grande formato, passa in rassegna, attraverso un ricco apparato fotografico, 35 fra i delitti che più hanno colpito l'immaginario collettivo degli italiani. Si parte dal 'Caso Graziosi', una delitto del 1945 mai del tutto chiarito, conclusosi solo nel 1997 col suicidio del principale sospettato (ormai ottantenne) e marito della vittima, Arnaldo Graziosi: nonostante si fosse sempre dichiarato innocente fu condannato a 24 anni di reclusione, interrotti dapprima da una breve fuga e infine dalla libertà firmata nel 1959 dall'allora Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Sfogliando le oltre 300 pagine del libro il lettore può ripercorrere vicende celeberrime come il caso Montesi, quello dei “mostri” di Firenze, i numerosi delitti firmati dal duo “Ludwig”, le vicende di Terry Broom e Gigliola Guerinoni, i delitti insoluti di Simonetta Cesaroni e di Alberica Filo della Torre, sino alla incredibile vicenda di Marta Russo. In appendice ai casi principali un elenco degli episodi di cronaca nera più recenti dal 2000 ad oggi. In definitiva un ottimo lavoro da parte dei due autori, che ovviamente non ha la pretesa di fornire una risposta definitiva su ciascuna delle vicende narrate o arrivare alla soluzione di quelle rimaste insolute, ma solo quella di ricostruire i fatti, avvalendosi della forza delle immagini, e di porre l'accento sul mistero dell'animo umano, spesso capace di una crudeltà inspiegabile che può spezzare improvvisamente anche la più felice delle consuetudini.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER