La Via Oscura

La Via Oscura
1961, Hawthorne, Alabama. L'America profonda ed evangelica guarda con sospetto al Presidente cattolico J.F. Kennedy; in Europa, Sudamerica e persino a New York capelloni e comunisti amici dei nemici russi diventano sempre più sfacciati e potenti; c'è chi dice che l'uomo in pochi anni conquisterà lo spazio, chi invece sostiene che in pochi anni il mondo finirà. Il contadino John Creekmore ha solo trentasette anni, ma ne dimostra almeno dieci di più col suo volto segnato dalle rughe che somiglia a un campo arato. E' un uomo di poche parole e ancor meno sorrisi, che crede in un Dio avaro e severo e cita continuamente la Bibbia. La gente dice che John è un predicatore mancato, uno che non ha risposto alla chiamata del Signore e ha preferito guardare alla terra piuttosto che al Cielo, e probabilmente è proprio così. Ma è sua moglie Ramona - per un quarto indiana choctaw - l'oggetto preferito delle chiacchiere degli abitanti di Hawthorne, non lui: la donna a quanto pare ha delle facoltà paranormali, è in grado di comunicare con gli spiriti dei morti senza pace che ancora infestano il piano della realtà e guidarli verso l'aldilà e l'oblio, ma quando presta la sua opera lo fa sfidando il volere di suo marito, che ritiene tutto ciò contrario al volere di Dio e della Natura. Nulla lascia credere che il piccolo Billy, figlio della coppia, abbia ereditato questi poteri, ma quando Dave Booker - il violento vicino di casa dei Creekmore - stermina la sua famiglia, nasconde chissà dove il cadavere del figlio e si fa saltare la testa con un fucile, Billy inizia ad avere delle strane visioni che lo portano a scoprire il corpo del povero bambino sotto un mucchio di carbone nel seminterrato di casa Booker. Intanto Hawthorne si prepara ad accogliere il famoso predicatore Jimmy Jed Falconer, uno capace di riempire tende grandi come campi da football con la parola del Signore ma che comincia a sentire la concorrenza di radio e televisione. Ad accompagnare il carismatico e disinvolto predicatore c'è suo figlio Wayne: il ragazzo ha appena dimostrato di avere incredibili poteri di guarigione resuscitando il suo cane investito da un camion, e Falconer ha deciso di mettere a frutto questo dono per fare miracoli sotto il suo tendone...
Continua la riscoperta dell'opera di Robert R. McCammon che prima Mondadori e poi Gargoyle portano avanti da poco più di un ventennio: stavolta tocca a un romanzo cupo e potente, che ci porta nel profondo Sud degli Usa di mezzo secolo fa, in quell'Alabama nel quale è stato fondato il Ku Klux Klan e dove il fanatismo religioso è quasi la norma, in un contesto nel quale c'è zero tolleranza per il diverso - sia esso un uomo di colore, un fottuto liberal di città, una squaw mezzosangue in aria di stregoneria o un bambino che 'vede' i morti. Qui le vite di due adolescenti dotati di poteri straordinari ma destinati a odiarsi a morte si intrecciano, mentre un'entità oscura e malvagia dà loro la caccia senza pietà. Lo stile è posato, maestoso, con poche concessioni al ritmo; l'atmosfera e lo stile devono molto all'horror (letterario, non cinematografico: Stephen King, non Wes Craven) degli anni '80 - il romanzo è del 1983 - e per gli appassionati leggere per la prima volta in italiano La Via Oscura è come sentirsi di nuovo a casa. Non una dolce casa, però. Oh, no davvero.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER