La vita di ogni giorno

La vita di ogni giorno

Leonardo Caffo ha tenuto, ad inizio del 2016, cinque lezioni di filosofia presso il Circolo dei lettori di Torino. Il suo lavoro prende le mosse dalle lezioni tenute e si divide in cinque macroargomenti su cui si fonda gran parte del pensiero filosofico occidentale: l’etica, l’estetica, l’ontologia, il linguaggio e la logica. Qual è il modo giusto di comportarci, quello più eticamente corretto? Ci esprimiamo in maniera corretta, utilizziamo un linguaggio adatto per farci comprendere e allo stesso tempo che ci consenta di decodificare il mondo esterno? “Se non capiamo di cosa parliamo, parliamo a vanvera”, scrive Caffo. Come possiamo catalogare il mondo in modo da saperci orientare in questa società così complessa e sempre meno a misura d’uomo? Davanti alle opere d’arte, siamo ancora capaci di stupirci, di meravigliarci? Partendo dai cardini della filosofia occidentale, ma non tralasciando cenni su quella orientale, l’autore tenta di coniugare la filosofia, che gran parte dei comuni cittadini considera avulsa dalla propria vita, con quella che è la nostra quotidianità, cerca di fornirci degli strumenti per “stare al mondo”: strumenti, non consigli né tantomeno soluzioni: non è, forse, il compito della filosofia spingere la nostra mente a continuare a interrogarsi senza mai fornire “ricette” precostituite?

Ultimo di una già congrua serie di lavori filosofici, La vita di ogni giorno è un saggio breve ma intensissimo in cui Leonardo Caffo, filosofo classe 1988, prova a fornire ai lettori uno strumento utile di conoscenza e di riflessione allo stesso tempo. Lo stile è semplice, la lettura gradevolissima. Caffo non ama parlare agli specialisti della sua materia, preferisce che il lettore comune possa avvicinarsi in punta di piedi ed essere incuriosito e colpito dalla sua materia, fa sì che la filosofia scenda dalla torre d’avorio e che chiunque possa provare ad “utilizzarla” nella vita di ogni giorno. Non mancano di certo gli spunti per ulteriori approfondimenti né le citazioni di grandi maestri della filosofia: Tommaso d’Aquino, Kant, Hegel, Heidegger, Nietzsche, Wittgenstein, Chomsky, Foucault, Adorno, Deleuze, Rawls (tanto per citarne alcuni). Ma Caffo preferisce una scrittura divulgativa, desidera che il pensiero filosofico possa essere applicato quotidianamente da tutti noi. Perché siamo noi che, interrogando noi stessi, abbiamo poi la possibilità di cambiare sia la nostra vita sia, gradualmente, il mondo che ci circonda. Ne Il maiale non fa la rivoluzione Leonardo Caffo chiudeva con una riflessione importante: «Questo mondo dipende da ognuno di noi, e dal cambiamento del sistema politico e di pensiero in cui viviamo – cominciate a esigere, già domani, la vostra parte di questa vita che verrà». Cominciamo ad imparare a stare al mondo, a fare della nostra vita una grande occasione per essere felici: del resto è l’unica che abbiamo.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER