Le altre me

Le altre me
Autore: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Marta è una ragazza come tante. Fa la biologa, ha una sorella che vive a Cuba, una famiglia che la ama. Luca, il suo ragazzo, fa l’avvocato, stanno insieme già da un po’. A vederli dall’esterno rappresentano il modello di coppia ideale, ma un giorno - senza una ragione apparente - Luca se ne va e per Marta lo shock è talmente forte che si rende davvero conto dell’accaduto solo quando, poco più tardi, un altro evento doloroso segna la sua vita. La perdita dell’amata nonna la mette di fronte ad una condizione di solitudine profonda e la obbliga a rileggere il suo passato, a cercarsi e capirsi in un viaggio alla scoperta di sé. La decisione di raggiungere sua sorella a Cuba e di lasciarsi tutto alle spalle arriva quindi con naturalezza, così come il suo accostarsi alla spiritualità del luogo alla ricerca di un significato più profondo. Marta sa che per rinascere deve accettare e trasformare tutto ciò che è stata, dissipando le ombre scure che la tormentano. Dovrà dimenticare Luca e il loro passato peccaminoso carico di perversioni ‒ dagli incontri per scambisti in ogni luogo e situazione ai night club dove non ci sono regole ‒ il loro trascinarsi in pericolosi giochi ai limiti del concesso. Attraverso un viaggio reale e interiore, dall’Avana passando per Milano per arrivare a Colle Salvetti, dove abita il sensitivo Solange…

Laura Avalle, giornalista piemontese di nascita ma cittadina del mondo per quanto è appassionata di viaggi, in questo romanzo mescola personaggi di fantasia a persone reali come il sensitivo Solange, all’anagrafe Paolo Bucinelli, che firma la prefazione, sunto probabilmente di un’intervista telefonica della stessa Avalle durante la quale Solange rimase colpito da quella voce squillante che però strideva con l’immagine mentale che gli era apparsa di una donna dagli occhi tristi nei qualisi spalancavano passato, presente e futuro. Un romanzo che ha in copertina uno “strillo” in cui ci viene promesso che questo libro ci “farà dimenticare le sfumature di grigio”, un paragone un po’ azzardato e forse controproducente per un romanzo che contiene, è vero, alcune scene ad elevato erotico (ma non certo abbastanza per scandalizzare o apportare qualcosa di nuovo al genere), ma che non è assolutamente ‒ né crediamo voglia essere ‒ un romanzo erotico. È piuttosto un romanzo sul dolore e sulla bellezza della ricerca interiore, il racconto di un percorso di vita tormentato ma ricco che vuole fornire una chiave spirituale per la redenzione ma che purtroppo rimanda a un po’ troppi stereotipi (come il seguire sempre il proprio cuore per fare le scelte giuste e indicazioni del genere) per riuscirci davvero fino in fondo. È comunque apprezzabile che la protagonista intraprenda una strada affidandosi al proprio spirito e resta negli occhi del lettore il fascino di un viaggio che trascende la realtà, che cerca nel metafisico e nella “magia” una chiave per vivere meglio la vita di ogni giorno.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER