Le ho mai raccontato del vento del Nord

Le ho mai raccontato del vento del Nord
Emmi Rothner si occupa di siti internet, è felicemente sposata, ha ereditato due figli dal marito e sta tentando di disdire l’abbonamento a una rivista da tre mesi. Nessuno risponde alle sue comunicazioni e-mail e l’irritazione sale. Vogliono forse farla fessa? Il fatto è che l’indirizzo digitato è errato e la richiesta di disdetta arriva accidentalmente nella casella di posta di Leo Leike (uno che nella vita si occupa dell’impatto che la Rete e le e-mail hanno sui comportamenti sociali), proprio come gli auguri di felice Pasqua. È chiaro e ovvio che tra i due scatti la curiosità della scoperta, la frenesia, il rimpallo di e-mail, spesso a brevissima distanza l’una dall’altra, altre volte con un intervallo che dura parecchi giorni, tra romanticismo e ironia, divertimento e serietà, confidenza e conversazione leggera...
La si potrebbe definire una trama in fondo banale, forse prevedibile, ma il punto forte di questo piacevole ed esilarante romanzo è la sua potenzialità di fondo, l’essere comprensibile, condivisibile - perché ormai accade assai spesso che ci si conosca prima via computer che di persona. E capita si instaurino legami profondi, almeno scritti, che ci si dicano cose personali che ad altri vengono taciute, che ci si trovi così bene a scrivere a chi sta dall’altra parte da voler ritardare l’incontro de visu perché così – senza vedersi, magari con qualche bugia e qualche mezza verità – è tutto più semplice o almeno sembra esserlo. Si può essere sinceri e trasparenti oppure astuti giocatori strateghi dei sentimenti, si può glissare o approfondire, si può ironizzare, ferire, colpire senza sentirsi eccessivamente colpevoli, si può stuzzicare, appassionare. Il rischio è la dipendenza, l’aspetto compulsivo della comunicazione digitale, l’ansia dell’attesa, le domande senza risposte, i dubbi e le supposizioni. Daniel Glattauer intesse un romanzo epistolare moderno con grandissimo successo: è stato tradotto in 21 paesi, è diventato oggetto di un culto (per ora solo nella patria dell’autore, che è appunto viennese, e in Germania, dove ha venduto 750.000 copie), ha conquistato critica e lettori, convincendo per lo stile frizzante e scorrevole, per l’ilarità di fondo e per l’autenticità dei protagonisti, incollando alle pagine nella speranza di poter assistere alla nascita di un amore ai tempi di internet, basato sulla potenza delle parole battute sulla tastiera di un computer. Da avere, soprattutto per chi sa cosa significa impelagarsi in storie malate da psicologia internettiana.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER