Le indagini della Fabbrica dei Corpi

Le indagini della Fabbrica dei Corpi
Bill Brockton è un antropologo forense e dirige la Fabbrica dei Corpi, atipica struttura sanitaria dedicata esclusivamente allo studio e all’analisi della decomposizione dei cadaveri. Un giorno al dottor Brockton tocca eseguire un normale test di paternità, da eseguire su un cadavere che però è stato interamente profanato. All’antropologo forense, contattato dall’FBI, viene proposto di attirare il profanatore con dei cadaveri-esca, così da poter smascherare un inaspettato mercato nero di resti umani… L’antropologo forense Bill Brockton è ancora una volta impegnato in un caso legato ai cadaveri analizzati presso la Fabbrica dei Corpi: stavolta, vicino a un ex dormitorio, il dottore ritrova una serie di cripte, allineate in maniera spaventosa, che ospitano le ossa di giovani studenti del posto morti e mai ritrovati. Tutti i corpi sono collegati tra loro, protagonisti di vicende che Brockton dovrà scoprire sfruttando le sue conoscenze scientifiche…
Le indagini della Fabbrica dei Corpi è una raccolta di due romanzi (solo uno però già edito in Italia) che vedono come protagonista sempre Bill Brockton, l’antropologo forense creato da Jefferson Bass, autore di opere magari non pregne di pathos o di inventiva, ma capace di accompagnare la narrazione in maniera spedita, supportato da elementi narrativi forti e che colpiscono. L’autore, uno pseudonimo dietro al quale si nascondono Bill Bass, lui stesso antropologo forense di fama mondiale e fondatore della vera Fabbrica dei Corpi in Tennessee, e Jon Jefferson, esperto giornalista, si districa abilmente in argomenti non consuetudinari e che comunque danzano sul filo del rischio dell’errore, dimostra di saper affrontare anche argomenti scabrosi in maniera dettagliata, senza mai scadere nella noiosa trattazione che può essere figlia dell’accademia nuda e cruda o della pratica professionale quotidiana. Entrambi i romanzi affrontano storie che si sviluppano esclusivamente in una fase investigativa, senza splatter, diversamente da quanto potrebbe lasciar intendere la sinossi di entrambi in IV di copertina. A tal proposito risulta completamente fuori luogo il titolo italiano del primo romanzo - Il cannibale (in originale era Bone Thief) - mentre è calzante quello del secondo - Mucchi di ossa. Abbastanza lodevole anche l’evoluzione del personaggio, il dottor Brockton, che si ritrova anche a dover vivere il dramma dell’amico-collega Eddie Garcia, costretto ad abbandonare la propria attività in seguito a un grave incidente.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER