Le indagini di Dante

Le indagini di Dante
Firenze,  giugno 1300. La badia di San Giuda, vecchia sede di un cenobio di agostiniani posta fuori le mura della città, sta subendo un importante restauro per diventare sede dello Studium fiorentino. È qui che viene trovato il cadavere del magister cum machinis Ambrogio, architetto e grande mosaicista al quale è stato affidato il mosaico absidale. È stato brutalmente assassinato e sfigurato. Ad indagare sull’omicidio c’è Dante Alighieri, appena eletto priore per due mesi… Luglio 1300. Il sommo poeta Dante Alighieri è stato nominato da un mese priore di Firenze e ha già risolto un delicato caso di omicidio. E ora deve avere di nuovo a che fare con la morte e con un’altra difficile indagine, perché nel cantiere del nuovo palazzo dei Priori è stato trovato un cadavere nudo e decapitato, quello della bellissima Vana del Moggio, donna dalla voce paradisiaca, compagna del celebre cantore Casella, amata da tutta la città… Agosto 1300. Nelle fetide paludi dell’Arno viene ritrovata una galea il cui equipaggio è stato assassinato. Sembra che l’assassino si sia diretto a Firenze. A colpire l’attenzione del priore Dante Alighieri, giunto sul posto, sono i resti di uno strano marchingegno: gli ingranaggi di un enorme orologio. Successivamente, viene trovato il cadavere di Brunetto, un decoratore diretto a Roma, la cui vera identità è quella di Guido Bigarelli, architetto di Federico II. Nel frattempo, vengono uccisi in città cinque uomini con un doppio squarcio sul collo. Dante Alighieri ha poco tempo per le sue indagini perché il suo mandato di priore sta per scadere… Ottobre 1301. Dante Alighieri è partito come ambasciatore alla volta di Roma, per far valere le ragioni di Firenze presso la Santa Sede. Ma quando giunge in città, presso il porto di Ripetta viene trovato il cadavere di una donna orrendamente mutilato, svuotato delle viscere e abbandonato nelle acque del Tevere. L’ultimo di una serie. Il poeta non ha titolo per occuparsi del caso perché si trova in una città stranierà. Ma ha già dimostrato le sue doti risolvendo diversi casi, per questo inizia le proprie indagini personali…
Le indagini di Dante è la raccolta dei quattro romanzi che Giulio Leoni ha dedicato ad un insolito Dante Alighieri alle prese con delitti e misteri. I delitti della Medusa; I delitti del mosaico; I delitti della luce; La crociata delle tenebre. Una quadrilogia in cui il sommo poeta si cimenta con enigmi, trame oscure e omicidi brutali in una Firenze ricca di contraddizioni e tappa obbligata dei pellegrini che si recavano a Roma per il primo Giubileo, istituito nel 1300 da Papa Bonifacio VIII, il cui potere si manifesta, minaccioso, nella magnificenza di Castel Sant’Angelo descritta nel quarto romanzo della serie. Una saga che spicca per l’originalità, per le trame gialle labirintiche, per l’ottimo equilibrio tra storia e finzione narrativa e per i continui riferimenti culturali che rendono Le indagini di Dante una lettura che gli amanti del giallo storico hanno il dovere di affrontare. In attesa del prossimo episodio.
 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER