Le regole del gioco

Le regole del gioco
Saint-Tropez, sabato 17 ottobre, ore 2.15. Quattro colpi di pistola e Arkadij Orlov, un oligarca russo sorvegliato dai servizi segreti francesi, italiani e americani a causa dei suoi loschi affari, viene freddato all’interno della sua Lamborghini Murcielago rosa. Aveva appuntamento con il capitano Hans Spidhofer, il quale ha fatto giusto in tempo ad avvicinarsi al cadavere e, dopo averlo perquisito, recuperare un palmare. Spidhofer fa parte della squadra D dei servizi segreti italiani, guidata dal colonnello Giulio Valente, il discendente di un’antica famiglia romana che a un certo punto della sua vita ha rinnegato le sue origini per arruolarsi nei carabinieri. Le indagini di Valente lo portano a conoscenza di un’operazione che potrebbe cambiare definitivamente le sorti del mondo: l’operazione “11/5”, cinque novembre; tra l’altro, le informazioni contenute nel palmare di Orlov potrebbero far luce su una vicenda nella quale il russo era solo una piccola pedina. Un intrigo internazionale il cui fulcro sembra risiedere a Roma. Per questo il colonnello Valente deve scegliere di chi fidarsi…
Romanzo d’esordio di Riccardo Perissich, Le regole del gioco è uno spy-thriller di respiro internazionale in cui riecheggiano le grandi trame dei mostri sacri del genere, John le Carré, Ian Fleming e Tom Clancy. Ad un ritmo serrato e in costante tensione, fa da contraltare la profonda analisi psicologica dei personaggi, che l’autore delinea magistralmente, allontanandosi dalla consuetudine del personaggio tutto armi e azione. La trama si dipana in una geografia che vede il suo fulcro in una Roma che diventa teatro di una guerra senza tregua, in cui ognuno recita un ruolo ben preciso e indossa una maschera che è difficile svelare. Perissich disegna una scacchiera nella quale ogni mossa può essere fatale; una ragnatela in cui tutti gli attanti sembrano essere al contempo vittime e carnefici; un dedalo nel quale il lettore è chiamato a seguire il proprio filo di Arianna per fare luce su una vicenda dalle sfumature oscure, in cui non è mai netto il confine tra bene e male. La forza di Le regole del gioco sta proprio nel coinvolgere il lettore, spiazzarlo, offrendogli una verità che viene puntualmente ribaltata e messa in discussione, e catapultandolo in un sistema che non ha regole e la vita umana sembra valere davvero poco al cospetto degli interessi e della brama di potere, concetto vecchio come il mondo. E al colonnello Giulio Valente, ultimo baluardo della vera giustizia, e ai suoi collaboratori non rimarrà altro che cercare la luce nel buio, e una verità che non faccia troppo male. Ci riuscirà?

Leggi l'intervista a Riccardo Perissich

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER