Legione di eroi

Quando Ernst Jünger, fante durante la Prima guerra mondiale che ha saputo mettere la sua esperienza militare al centro del suo lavoro di scrittore, si arruola nella legione straniera francese ‒ poiché, maggiore di sette figli di una famiglia di Heidelberg, sogna di vedere l’Africa ‒ e si presenta all’ufficio di reclutamento di Verdun, dove il militare addetto alle pratiche gli si rivolge in maniera piuttosto bonaria, lo invita brevemente a riflettere e poi gli passa un documento di ingaggio da firmare, cambia il suo nome, com’è permesso dalla Legione (che però pretende comunque di conoscere la vera identità delle proprie reclute) in Herbert Berger, numero di matricola 15308. Di lì a poco prende un treno per Marsiglia e si ritrova ben presto a fare esercitazioni sotto l’ardente sole africano di Sidi Bel Abbès, sede del quartier generale della Legione. George Mannington, invece, circa venti anni prima, sul finire dell’Ottocento, riceve un’accoglienza molto più dubbia, tanto che viene cacciato dicendo che una buona cena al Moulin Rouge lo avrebbe guarito…

Docente di lingua e letteratura francese negli Stati Uniti, per la precisione presso il college per studi umanistici di Swarthmore, in Pennsylvania, fondato nel 1864 da una compagine di quaccheri, Jean-Vincent Blanchard ha evidentemente ben chiaro come si debba scrivere un volume ‒ in particolare per quel che concerne i saggi storici ‒ per renderlo divulgativo: la sua prosa è semplice, chiara, densa, approfondita, fruibile, articolata ma mai ostica, e al tempo stesso niente affatto banale. Il sostrato documentario è inoltre ampio, e presentato in maniera accessibile a tutti, in modo da istruire divertendo e da divertire istruendo, come retorica insegna, anche grazie all’argomento, senza dubbio affascinante, ossia la Legione straniera, un corpo militare che incarna al tempo stesso la peggiore protervia coloniale e una possibilità di scampo per molti delinquenti in fuga dal proprio passato e dalla propria identità ma anche un emblema di virilità ed eroismo affascinante, come si vede nella tanta letteratura e nel molto cinema che gli è dedicato.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER