Lo straniero

Lo straniero
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Algeri. E’ giovedì mattina quando Meursault riceve una telefonata dall’ospizio: sua madre è morta. Con calma e senza scomporsi di fronte all’evento, Meursault prende un autobus e si reca nella vicina cittadella di Marengo, a circa ottanta chilometri da dove risiede. Arrivato sul posto rifiuta - con un certo distacco - l’ultimo saluto al corpo della madre defunta e dopo una breve veglia priva di lacrime segue la bara sulla via del camposanto. Tornato a casa per l’inizio del weekend trascorre la giornata in spiaggia, dove incontra l’ex collega di lavoro Maria. I due finiscono al cinema a vedere una pellicola comica di Fernandel, prima di abbandonarsi ad una dolce notte insieme. La domenica trascorre lenta e in solitudine, è un giorno di riposo in cui osservare la frenesia della città dalla quiete della propria finestra e riflettere sul fatto che, malgrado la morte della madre, nulla sembra essere cambiato. Sinché una sera, tornando a casa stanco dall’ufficio, Meursault si imbatte nel vicino di pianerottolo Raimondo che lo invita a cena col desiderio di fare quattro chiacchiere insieme. L’uomo confessa a Meursault i propri problemi di coppia e il timore d’essere stato tradito, chiedendo infine all’amico di stendere una lettera pacificatoria da indirizzare alla ragazza. Inconsapevolmente, sarà proprio a causa di quella missiva che la vita di Meursault cambierà radicalmente, portandolo a compiere un omicidio…
Lo straniero rappresenta la trasposizione all’interno di un’opera letteraria dell’idea - fondante per il pensiero di Camus - dell’assurdo dell’esistenza umana, concetto che trova una trattazione di maggiore respiro filosofico nel testo Il mito di Sisifo. Nel personaggio protagonista troviamo infatti perfettamente rappresentata la condizione di nonsense, di privazione di significato, che permea la vita di Meursault: straniero in quanto estraniato - al di fuori - dalle regole della vita sociale, dalle leggi, da precetti religiosi o morali e immerso in quell’unica ricerca della verità e di senso che vede l’uomo confrontarsi con la natura. E infatti il nostro Meursault - malgrado la narrazione in prima persona - è una persona che non ama parlare di sé, dei suoi sentimenti o dei suoi pensieri, preferendo la messa in ombra delle evanescenti sensazioni in favore di un rapporto quasi fisico con gli elementi naturali. Tuttavia, accantonate le difficoltà di natura concettuali legate all’opera, Lo straniero è al tempo stesso un testo che si lascia leggere facilmente da qualsiasi lettore, grazie ad uno stile volutamente semplicistico che appare a tratti abbozzato e diaristico. Un’ottima occasione quindi per conoscere Albert Camus, vincitore del Premio Nobel per la letteratura con l’opera La peste nel 1957, pochi anni prima che un incidente automobilistico ne causi la prematura scomparsa. Solo nel 1967 Luchino Visconti realizzerà una trasposizione cinematografica de Lo straniero, che vede nei panni di Meursault Marcello Mastroianni.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER