L'occultista

L'occultista
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 
Anni '20, Harvard. Martin Finch (americanizzazione di Finocchiaro) è un giovane laureato e dottorando in Psicologia figlio di immigrati italiani. Coinvolto in un piccolo scandalo studentesco a causa di un uso poco ortodosso della sua abilità come ipnotista, Martin viene 'convinto' dal Direttore del dipartimento di Psicologia, il professor William McLaughlin, ad entrare nella commissione incaricata di vagliare le candidature per l'astronomico premio di 5000 dollari messo in palio dalla rivista Scientific American a chi produrrà manifestazioni paranormali davanti alla commissione, manifestazioni in grado di passare al vaglio di scienziati e tecnici. Martin aiuta la commissione a smascherare due ciarlatani, ma le cose non vanno altrettanto lisce con la terza candidata, la giovane e bella Mina Crawley da Philadelphia, che viene giudicata una medium autentica. Per niente convinto, Martin parte per la città della Crawley e inizia indagini per proprio conto. Dalle indagini giungeranno segreti, sorprese e amore...
Per quanto incredibile possa sembrare, il romanzo di debutto di Gangemi ha poco di fiction, essendo la trasposizione quasi del tutto fedele di una bizzarra storia vera. Nel numero di dicembre del 1922 infatti la rivista Scientific American lanciava davvero un'inchiesta sul tema della comunicazione con i morti. I lettori di allora erano pazzi per lo spiritualismo, e visitare medium o sedicenti tali era la moda del momento. La redazione della rivista sperava di portare rigore scientifico nel fenomeno, e si affidò ad esperti del calibro di Harry Houdini, che da principe dei maghi divenne così terrore dei ciarlatani. Tutti i medium presi in considerazione furono bocciati, come nel romanzo, e come nel romanzo solo una bella ragazza, vero nome Mina Crandon, passò l'esame della commissione. La sua fama raggiunse l'apice, e le sue sedute spiritiche erano frequentate dal bel mondo di Boston, luogo d'origine della giovane. Persino Arthur Conan Doyle affermò che le sue capacità erano "fuori discussione", ma anche in quel caso, uno studioso di Harvard non volle arrendersi all'opinione comune e continuò imperterrito ad indagare, malgrado la sua infatuazione per la bella Mina crescesse di giorno in giorno. A questo fatto di cronaca già di per sé affascinante Gangemi dà sprint attingendo a piene mani alla cultura 'popolare' del periodo, in una ridda di citazioni e riferimenti a canzoni, pubblicità, moda. Accattivante, sottilmente inquietante, estremamente raffinato, il romanzo avvince e ipnotizza, cattura e diverte man mano che il plot si dipana. Johnny Depp ha già acquistato i diritti cinematografici del libro, che diverrà quindi presto un film.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER