Mirror, mirror

Mirror, mirror

Nai non c’è più. È sparita da otto settimane e nessuno di noi ha idea di dove possa essersi cacciata. Eppure io, Rose e Leo siamo un po’ la sua seconda famiglia anzi, la nostra band è la sua famiglia. Io suono la batteria, Rose canta, Leo è alla chitarra e Naomi… lei è semplicemente il fulcro della nostra musica, il collante che ci tiene uniti e prolunga la nostra magia di note sul palco. I testi sono suoi e miei, parlano dei nostri irripetibili fottutissimi sedici anni! Ma lei dov’è? Perché non risponde ai nostri messaggi e non ha lasciato uno straccio di indizio su dove sia finita? I giorni passano e diventano settimane, e infine eccola qui: ragazza in fin di vita trovata in acqua impigliata alle funi degli ormeggi. Respira a malapena. È coperta di lividi. È viva. Hanno ripescato Naomi dentro le fredde acque del Westminster Bridge, la sua famiglia è sotto shock e tutti pensano che abbia tentato il suicidio, ma io no. Io sono Red la sua migliore amica, conosco Nai meglio di me stessa, eppure lei aveva un segreto…

Puoi fidarti di lui? Conosci davvero i tuoi migliori amici? L’immagine che rifletti allo specchio sei davvero tu? I Mirror mirror sono un gruppo di adolescenti problematici che insieme hanno trovato la quadratura del cerchio: vanno alla grande, spaccano, eppure le loro vite restano incasinate come quando erano soli ed emarginati. Leo vive nei bassifondi di Londra e suo fratello è in galera, Red è lesbica, ha la madre alcolizzata e il padre assente. Rose… beh, Rose è Rose, bella da far girare la testa e fragile come un fiore di vetro. Naomi si nasconde dietro a colorate parrucche e trucco manga, ma ultimamente è cambiata, qualcosa in lei non è più lo stesso. Insieme al corpo di Naomi riemergono a pelo d’acqua i tanti segreti di quelle vite spezzate, parole scritte in un diario segreto, che come cocci di vetro aguzzi ricompongono quei ritratti. Profondo, sincero e intrigante, lo sguardo della top model Cara Delevingne ‒ qui al suo felice e forse inatteso esordio letterario ‒ affonda con perspicacia e ferocia in quell’intricata matassa che è l’adolescenza. Scava nelle anime corruttibili dei più giovani e nelle anime corrotte degli adulti. Pagina dopo pagina la realtà si rivela essere uno specchio deformante, in cui ciascuno interpreta un ruolo e finisce per perdere se stesso. Scritto a quattro mani con la navigata Rowan Coleman (autrice tra gli altri del romantico Baci segreti e lettere d’amore), Mirror mirror si rivela una lettura a tratti corrosiva e coinvolgente, senza lustrini né peli sulla lingua.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER