Miss Jerusalem

Miss Jerusalem

Nella città di Gerusalemme la vivace Gabriela, di famiglia ebrea sefardita, affronta la vita quotidiana con le frustrazioni e le gioie di una ragazzina. Adora il padre David ma è in conflitto con la madre Luna, bellissima, irraggiungibile e incapace di donarle una carezza o una parola affettuosa. Il calore materno lo riceve dalla nonna Rosa, disposta a raccontarle i segreti di famiglia per aiutarla a comprendere perché Luna è la donna che è. Quando Rosa muore tocca alla zia Alègra che vive a Tel Aviv proseguire il racconto, ricostruendo le memorie di famiglia a partire dal matrimonio della bisnonna Merkada col ricco Rafael, proprietario di un negozio di delicatezze molto frequentato, la nascita di Gabriel e il suo amore proibito per un’ebrea ashkenazita, il matrimonio che è costretto ad accettare con Rosa, da cui nasceranno Luna e altre due figlie. Gabriela ascolta affascinata gli aneddoti sull’infanzia di sua madre, soprannominata da tutti Miss Jerusalem per la bellezza e la passione per la moda, ascolta le imprese della coraggiosa zia Rachelika che dopo la scuola attraversa Gerusalemme durante il coprifuoco, sfuggendo ai cecchini arabi pur di tornare a casa dai genitori. Anni di vita scorrono nel racconto di Alègra, anni di lavoro quotidiano, giochi in cortile, feste di shabbat, il profumo dei pistacchi nel negozio di famiglia, gli attentati, i cecchini, la difficoltà di raggiungere la sinagoga, la morte…

Dopo aver portato avanti una lunga carriera come attrice teatrale e televisiva e dopo aver maturato esperienza come giornalista per quotidiani, magazine e come corrispondente televisiva, Sarit Yshai-Levi ha conquistato i lettori d’Israele col suo primo romanzo. La storia narra, dagli anni Venti del ‘900, le vicissitudini di una famiglia ebrea sefardita, puntando lo sguardo su quattro generazioni di donne diverse per aspetto, carattere ed estrazione sociale, una “famiglia in cui gli uomini sposano donne che non amano”. L’altera Merkada, la brutta e ignorante Rosa che mai nella vita riceve un bacio dal marito, la splendida Luna, superficiale e capricciosa e infine Gabriela, ribelle, infelice, incapace di scrollarsi di dosso “la maledizione delle donne Hermosa”. S’intrecciano alla storia della famiglia i fatti che hanno segnato Israele: il fratello di Rosa viene ucciso dai Turchi che rapivano i bimbi ebrei per arruolarli, l’insofferenza della popolazione durante il mandato britannico, gli stravolgimenti successivi all’assemblea delle Nazioni Unite del 1947 che hanno portato alla spartizione d’Israele, i bombardamenti, l’interrompersi dei rapporti amichevoli con gli arabi. Ma il gusto per la vita resiste, di padre in figlio, da nonna a nipote, la conquista di un po’ di felicità per dare senso all’esistenza e opporsi alla solitudine: “Sento l’amore esattamente dove Beki mi ha spiegato: fra i seni e la pancia, nel posto dove si trova il cuore”.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER