Morto stecchito

Morto stecchito
Non c’è pace per la povera Sookie Stackhouse. La sua vita non è mai stata facile: è cresciuta con sua nonna, che adesso è morta, e al mondo ha solo Jason, suo fratello. Fa la cameriera al Merlotte’s, un bar in cui tutti le vogliono bene, ma nella piccola cittadina di Bon Temps, Louisiana, dalla tipica mentalità chiusa del sud, sono davvero in pochi quelli che non la tengono a distanza perché non apprezzano particolarmente il suo dono (o la sua maledizione?) : essere telepate. Sookie è in grado,infatti, di leggere i pensieri di tutti coloro che le son vicini e ha dovuto faticare non poco per tenere sotto controllo questo brusio continuo di sottofondo che la accompagna tra la gente, sforzandosi di prenderne le distanze, per quanto le è possibile. Un po’ di serenità l’ha vissuta in passato accanto a Bill, il primo non-morto che ha fatto il suo ingresso al Merlotte’s da quando la sua razza si è palesata agli umani. I vampiri, infatti, grazie all’invenzione del sangue sintetico, convivono, quasi serenamente, con gli umani e hanno con loro rapporti di varia natura. Ma, dopo alterne vicende, anche Bill non è più accanto a Sookie che ora deve affrontare un altro momento duro che stavolta la colpisce da molto vicino: lo scapestrato Jason è stato morso da una pantera mannara ed ora sta per subire, a sua volta, la mutazione. È diventato un mutaforma, un’ altra delle tante creature che vivono tra gli inconsapevoli umani. Ma forse qualcuno sa qualcosa, forse proprio tra le file degli intolleranti, o forse tra gli stessi mutaforma: da qualche tempo un serial killer sta sparando a questi ultimi e uno di loro è già morto. I sospetti della comunità dei mutaforma sono incentrati proprio su Jason che forse non ha accettato tanto bene la trasformazione. O forse no. Prima della prossima luna piena Sookie deve chiarire tutto questo pasticcio, mentre altre vicende e altre passioni la distraggono, se non vuole perdere l’unico parente che le resta … benché mezzo pantera…
Quinto episodio per le vicende di Sookie Stockhouse nel suo strambo mondo assai movimentato e così curiosamente realistico. L’eroina creata da Charlaine Harris, protagonista del ciclo Southern Vampire Mysteries da cui è tratta la fortunata serie tv “True Blood”, è alle prese con nuove disavventure in questa  storia più ricca di azione  e meno connotata da vicende sentimentali. Pur tuttavia Sookie trova il tempo di ricevere le attenzioni ( tutte peraltro gradite! ) dal suo capo, il mutaforma Sam, dal capo della comunità delle pantere mannare, dal suo ex, il vampiro Bill, dal vampiro pirata Charles, dall’affascinante e potente vampiro capo-zona Eric, dal mannaro puro Alcide e da qualcun altro ancora. Questo romanzo appare, più che altro, un libro di passaggio, una sorta di raccordo che prepara il terreno a vicende destinate ad ingarbugliarsi negli episodi successivi, attesissimi in Italia. In America, infatti, è stato già pubblicato il decimo volume della serie. Tuttavia anche Morto stecchito conserva i dialoghi frizzanti e le atmosfere dark delle storie precedenti ed è assolutamente imperdibile per gli appassionati della saga, nonostante la trama un po’ esile e la quantità di personaggi che entrano in scena e affollano la storia. Ma la Harris è talmente brava da destreggiarsi egregiamente in questo bailamme e regalare il solito divertimento condito da suspense, humor e un po’ di pepe. Proprio in questa capacità di mescolare il genere rosa a quello horror, mistery e gothic e nell’invenzione di questa variante nel genere che vede i vampiri impegnati a controllare la sete di sangue per assimilarsi agli umani c’è il segreto che fa della Harris un fenomeno unico capace, per moltissime settimane, di dominare nella bestseller list del New York Times e continuare a farlo nei cuori delle tantissime fan anche in Italia. Tutte in attesa, dunque, delle prossime puntate!

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER