A Napoli con Maurizio de Giovanni

A Napoli con Maurizio de Giovanni

Maurizio De Giovanni è uno di quegli autori che, volendo raccontare Napoli, hanno deciso di rimanerci: onore a chi non lascia il proprio amore e fuggire via, per poi indulgere a descrizioni e narrazioni di una città più sovente immaginata che ricordata, più desiderata che vissuta. E a chi, non essendoci nato, ha deciso di farne la propria patria. Come Luigi Alfredo Ricciardi, commissario di polizia, che è venuto a Napoli non solo per prendersene il buono, ma anche il cattivo: e fra morti ammazzati, rapine, scippi e vendette trasversali, non ha che l’imbarazzo della scelta. Vedere Napoli attraverso i suoi occhi è vederla quasi cent’anni fa, nel 1930, con lo sguardo sempre a un tempo incantato del bambino di fronte alla scintillante novità, e penetrante - fino al lacerante - di chi conosce l’orrore che si può celare nel buio di certi vicoli…

Una guida turistica atipica questa di Vincenza Alfano, che ci porta a conoscere Napoli secondo un insolito itinerario: quello dei luoghi descritti dai romanzi del commissario Ricciardi di Maurizio de Giovanni. Un libro godibile e ben scritto, senza pretese che vadano oltre la puntualità delle citazioni e l’esaustività dei richiami. Ad arricchire la trattazione illustrazioni in bianconero e un gustoso capitolo conclusivo su “Cosa mangiare a Napoli”.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER