Necronomicon - Storia di un libro che non c'è

Necronomicon - Storia di un libro che non c'è
Il percorso creativo e storico del Necronomicon e del concetto di pseudobiblium in generale, partendo dalle originarie intenzioni di H.P. Lovecraft per arrivare alle appendici aggiunte dai suoi discepoli. Un gran numero di citazioni da racconti ed altro materiale anche iconografico raccolto dal curatore ci consente di "dare corpo" ad un libro che in realtà non c'è, anche se milioni di lettori di tutto il mondo credono tuttora che esista. In più, le riedizioni pressoché integrali dei tre testi pubblicati da Fanucci nel 1979, nel 1994 e nel 1998, che simulavano l'opera dell'arabo folle Alhazred...
Cosa sono gli pseudobiblia? Il termine, coniato da Lyon Sprague De Camp nel 1947, sta ad indicare i libri citati con il titolo o addirittura con qualche estratto in opere di saggistica o narrativa ma che in realtà non esistono o non sono mai esistiti. Libri immaginari, creati dai vari autori per puro artificio narrativo. Alcuni pseudobiblia sono famosissimi, altri vengono creduti veri (addirittura certuni vengono citati da incauti studiosi in fior di bibliografie!), molti sono antichissimi, al punto che realtà ed illusione tendono a confondersi. Tema fascinoso alquanto, come si vede. In più, Sergio Basile qui ci parla del Necronomicon, che non è importante solo per la sua ontologia ma anche per l'ambito estetico nel quale è stato creato, e cioè la mitologia delirante del mondo di H.P. Lovecraft. Il neofita che voglia avvicinarsi all'universo dei cosidetti Miti di Chtulhu del maestro dell'orrore di Providence troverà una guida preziosa, mentre l'appassionato cultore avrà finalmente una summa sintetica ma completa, una gran mole di documenti letterari ed iconografici (talvolta inediti o quasi) che gli faranno amare ancora di più la leggenda dell'arabo pazzo Abdul Alhazred e del suo libro maledetto.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER