Nella casa di vetro

Nella casa di vetro
Dalla finestra della casa, indimenticabile, al secondo piano, il distributore di benzina scintilla come un astro e anche l’insegna di un negozio specializzato in arredi per il bagno illumina tutto di un blu forte, appariscente, che tende al violetto. Quando piove, dalla vetrata del balcone la luce inizia a pulsare, e a quel punto, specie se è al crepuscolo, lui spegne la luce della stanza e si siede vicino alla finestra. È un suono riposante. È un’atmosfera di fumo e pulviscolo, il palazzo di fronte si staglia con tutti i suoi bagliori, il negozio sembra avvampare, un fiore squagliato dalla tinta squillante che galleggia sul pelo dell’acqua. Quando scatta il semaforo e diventa verde, il traffico romba come un tuono che lacera ogni cosa, le vibrazioni si propagano dappertutto. Lui ha abitato in quella casa, anche da solo, quando lei non lo conosceva. Dentro quella casa si è sentito in salvo. Non avrebbe potuto desiderare cosa più grande. Ora la casa è buia. Lei sarà sicuramente già a letto…
Delicato, lirico, intenso, profondissimo, scritto in modo originale, nuovo, che conquista. Ti si arrampica sul cuore come una vite americana e l’onda di emozione che ti esplode dentro continua a sciabordarti nel petto per tanto tempo ancora, dopo che l’ultima pagina è stata voltata. Finisce troppo presto, anche perché è impossibile staccarsene. Completamente privo di retorica, è basato su due piani temporali e un unico punto di vista, quello di Davide. E più che sulle parole sul silenzio. Quello che si sprigiona in uno spazio senza definizioni, una bolla da cui si racconta la vita che va avanti comunque. Quella degli altri. Di quelli che si sono amati. Lasciati non volendo. E in ogni modo continui a guardarli, proteggerli, accompagnarli. Come puoi. Perché non puoi andare a prenderli a scuola, assistere alla loro laurea, portarli all’aeroporto quando, grandi, vanno all’estero per cercare fortuna. Perché non puoi vederli innamorati. Perché non puoi più abbracciare la loro madre, la tua donna, il tuo amore. Perché non ci sei più.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER