Neve di primavera

Neve di primavera
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Kiyoaki, figlio del marchese Matzugae, viene affidato ancora bambino alla prestigiosa famiglia del conte Ayakura. Educato alle buone maniere e alla raffinatezza, da adolescente diviene paggio presso la famiglia imperiale e cresce nel culto della propria avvenenza. Le uniche persone che riescono a trovare posto nel suo animo capriccioso sono l’amico e compagno di scuola Honda Shigekuni - razionale e distaccato - e la bella figlia degli Ayakura, Satoko, cresciuta con lui come una sorella lo ama profondamente. Kiyoaki è concentrato su se stesso, l’educazione aristocratica ricevuta lo allontana dagli altri. Non ha la capacità di farsi trascinare dalle emozioni, essere amato lo disgusta, la mancanza di grazia lo inorridisce. Apparentemente nulla di ciò che lo circonda riesce a oltrepassare l’egocentrismo che lo imprigiona. Ma l’arrivo in Giappone del principe siamese Pattanadid e del cugino Kridsada costringono Kiyoaki al confronto con chi non sfugge l’amore bensì ne celebra l’idillio...

La tetralogia Il mare della fertilità, l’opera più celebrata di Mishima, prende avvio da questo romanzo. La figura di Kiyoaki spicca per la complessità psicologica tratteggiata in modo eccellente, l’ostentata insoddisfazione, l’instabilità emotiva che riversa in un diario dei sogni come sfogo per i suoi turbamenti. I riferimenti all’aristocrazia giapponese in declino agli inizi del ‘900, evocati dal precettore Iinuma, sono l’emblema del rimpianto per la virilità degli antenati e gli intrepidi samurai, paragonati impietosamente agli uomini moderni infiacchiti dall’occidentalizzazione, con “...le loro mani effeminate, simili a foglie fragili e disseccate”. Il conflitto generazionale e culturale che il Giappone vive aprendosi a influssi europei nell’epoca Meiji, col passaggio del potere dallo shogunato Tokugawa all’Imperatore Mutsuhito, fanno da cornice alla giovinezza di Kiyoaki, ma è l’amico Honda a intuirne il destino: “E al pari delle guerre di altri tempi, la guerra delle passioni avrà i suoi morti e i suoi feriti, credo. È la sorte della nostra epoca e tu sei uno dei nostri rappresentanti”.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER