Operazione Ogro

Operazione Ogro
Madrid, 20 dicembre 1973. Ore 9 e 36. Una rovinosa deflagrazione scuote il Barrio de Salamanca, un rumore sordo che echeggia per calle Serrano, calle Maldonado e calle Coello. Ad innescare la miccia è stato un commando militare dell'ETA; Jon, Txabi, Mikel e Iker sono gli artefici di un'azione esplosiva che ha come obiettivo quello di portare un attacco al cuore dello Stato con l'esecuzione di Luis Carrero Blanco, allora delfino del dittatore spagnolo Francisco Franco e capo del Governo all'interno del regime fascista dal 9 giugno 1973. Blanco è l'elemento politico scelto per la perpetuazione del sistema franchista, la pietra angolare per il suo funzionamento: simbolo di continuità e figura di potere designata dai capitali oligarchici per il dopo Franco, è l'automazione del sistema senza spasmi e convulsioni. L'addestramento metropolitano, la disciplina psichica e la preparazione degli uomini scelti dalla direzione generale del gruppo indipendentista basco sono fatti di coperture sotto falso nome, piccole azioni di esproprio funzionali e propedeutiche allo studio meticoloso della città madrilena, imposizione di sovrastrutture per garantire l'informalità dell'operazione, osservazione clinica dei movimenti dell' “Orco” ( pseudonimo di Carrero Blanco per via delle sue ciglia folte e il corpo villoso, per stessa ammissione dei suoi oppositori) nella sua quotidiana presenza alle funzione religiosa, studio dei suoi uomini e naturalmente il bilancio dei pro e dei contro se qualcosa fosse andato storto. Txabi, Mikel, Iker e Jon, sanno che questo loro assalto al potere è una componente fondamentale per assurgere al più ampio processo rivoluzionario, che ha come scopo ultimo la liberazione e il rafforzamento degli schieramenti popolari e l'indebolimento del regime; e l'esecuzione di Blanco è il concime ideale per creare un terreno fertile alla propagazione e all' inoculazione del virus, che consti la disarticolazione dello status quo e l'edificazione di un modello di società antifascista...
Operazione Ogro è un testo memorabile editato da Eva Forest per la prima volta nel 1974: si trattava allora di una versione frammentata rispetto all'attuale e di una pubblicazione sotto pseudonimo ( a nome di Julen Agirre). Il libro-intervista rappresenta senz'altro un presidio storico sugli anni della lotta rivoluzionaria  dalla spina dorsale “violenta”, un po' romanzo e un po' saggio, spingendo il lettore ad assimilare il volume capitolo su capitolo, pagina su pagina, come una specie di invito ad ingurgitare pillole di sapere sugli anni settanta, sull'autorganizzazione proletaria, sui sequestri politici, sul contropotere territoriale e soprattutto sulla lotta condotta dall'ETA a colpi di idealismi e  coraggio partigiano,  quel coraggio ch'è la caratteristica preliminare quando si impone un livello di scontro gravoso e si “lavora” lo Stato con lo scopo di recidere la sua arteria femorale e ridurlo in agonia. Il tutto in nome del diritto alla sovranità nazionale, la cui difesa ha conosciuto anche la necessità di imbracciare le armi.  Un libro che sa di diario politico, ma anche un sorta di vademecum per conoscere l'agire e la condotta teorica di specifiche strutture politiche come quella indipendentista basca. Un volume che annovera al suo interno, come primo apparato, una lunga conversazione tra l'autrice, militante antifascista dalle origini catalane e fervida oppositrice della dittatura franchista, e il commando <<Txikia>> incaricato dall'ETA ad eseguire l'operazione ; un secondo apparato riguarda invece la trascrizione delle registrazioni magnetofoniche delle conversazioni  della polizia nelle ore successive l'attentato; ed infine,un' ultima appendice, è costituita dalla presenza di alcuni comunicati rivendicativi e documenti politici del gruppo: le ultime due sezioni e l'ultimo capitolo della conversazione , rappresentano degli inediti rispetto a quella che è stata la  prima pubblicazione ad opera della Mugalde. Un plauso a Marco Laurenzano, traduttore e curatore del volume. Quello che consegna all'editoria italiana, grazie alla mediazione e alla linea politica adottata dalla Red Star Press, è un libro importante nello studio della comunica-azione politica.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER