Partorirai con dolore

Partorirai con dolore

Una gravidanza serena trascorre senza troppi pensieri. Tranne uno, ricorrente e insidioso: dove partorire? Meglio la megastruttura con 3000 parti l’anno o quella piccola sotto casa, magari più a misura di donna? La presenza della Terapia Intensiva Neonatale è un fattore di scelta? O è preferibile andare a partorire là dove porta il ginecologo, l’amica, la vicina? Perché, davanti alla maestosità dell’evento, una donna può davvero sentirsi indifesa e impreparata. Prova ne sia la percentuale impazzita dei cesarei su primipare: il 26,7% dei primi figli nostrani nasce così, mentre l’Europa ha individuato il parametro di riferimento nel 15% delle nascite. Poi c’è il fattore età: è scienza che, dopo i 35 anni, la probabilità di portare a termine una gravidanza partorendo un figlio sano si abbassa velocemente. Eppure l’Italia, con la sua percentuale di nascite sempre più bassa, vede innalzarsi l’età media della prima gravidanza. Allattamento, vaccinazioni, congelamento degli ovuli, nascita pretermine: le storie personali e le statistiche sembrano aumentare ancora di più la confusione…

La parola chiave di questo saggio è consapevolezza. Delle difficoltà che possono insorgere, delle soluzioni che si possono trovare, delle strutture di riferimento, dei dati statistici, del fondamento scientifico di certi “credo”. Informazione: questo talvolta manca alle donne, agli uomini, alle famiglie. Medicalizzazione: questa talvolta è la via più breve quando mancano le informazioni. Ad avere un po’ di conoscenti già madri si potrebbero scrivere pagine di storie su ospedali, ginecologi, ostetriche, cliniche, travagli, cesarei puerperi pediatri. Ognuna ha un punto di vista e fa della propria storia la storia del genere umano: lì ti mollano col bambino lì ti stressano con l’allattamento lì lascia stare perché vanno in palla anche per l’ittero. La verità, abbastanza semplice, è che partoriamo da millenni perché dare alla luce un figlio è innato nel corpo delle donne. Basterebbe questa, di consapevolezza: che è un fatto naturale ma spaventoso, che molte donne che partoriscono hanno paura e che, contro la paura, la migliore arma è l’informazione.



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER