Pasolini su Pasolini

Pasolini su Pasolini
Cos’è il cinema d’autore? O forse è meglio dire: che cos’è il cinema? Questa domanda se l’era posta precedentemente già André Bazin, ma la risposta la dà Pier Paolo Pasolini a Jon Halliday. Il rapporto con il mezzo è forte, come lo può essere quello che si ha con un figlio, perché la storia che si vuole raccontare è propria, personale, sentita, perché si racconta una realtà. Vera. Il film non è opera di gruppo, né lo vuole essere, non lo deve essere. È di colui che l’ha concepita. Di colui che l’ha portata avanti. E basta. Jon Halliday è stupito a tratti, ma ascolta pacatamente il “flusso di coscienza” del suo intervistato perché come in ogni altro argomento lui ha la sua opinione, che mai tentenna, mai è lasciata al caso. Ma il cinema di per sé possiede la sua natura, che è doppia, ma è anche poesia…
Cosa dire di uno straordinario intellettuale morto ammazzato a 53 anni? Che era bravo, che amava giocare a pallone e raccontare degli ultimi. Quegli stessi ultimi con i quali giocava a pallone. Che scriveva libri e dirigeva film. Lo stesso mezzo che sarebbe poi stato utilizzato da altri scrittori e da altri registi per raccontare della sua figura e soprattutto della sua morte. Una morte che più di altre ha cambiato il nostro Paese. Il volume in questione - Pasolini su Pasolini. Conversazioni con Jon Halliday - fu pubblicato da Guanda per la prima volta nel 1992 ed è il frutto di una lunga intervista del grande studioso Jon Halliday al cineasta e poeta friulano realizzata nel 1968. Pasolini qui si mette a nudo parlando della sua opera di regista cinematografico, ma fra un film e l’altro vengono invece alla luce diversi aspetti della sua figura di uomo, schivo, intelligente, criptico nella sua loquacità, ma a conti fatti rigoroso e intransigente, nonché il suo amore per gli interpreti della strada, che a differenza di quelli professionisti, sono capaci di trasmettere la disperazione vera perché l’hanno vissuta. Un pensiero che mette in discussione lo stesso concetto di recitazione. Un uomo dalle opinioni decise, determinate, che viene alla luce attraverso le sue stesse parole, per una volta semplicemente trascritte, non analizzate. 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER