Paura e disgusto a Las Vegas

Paura e disgusto a Las Vegas

Dalle parti di Barstow, città fantasma in mezzo al deserto, le droghe iniziarono a fare effetto. Raoul Duke, dottore in giornalismo, e il suo avvocato, il Dottor Gonzo, sfrecciano su una decappottabile alla volta di Las Vegas con un bagagliaio pieno di droghe: eccitanti, stimolanti, tranquillanti… di tutto di più. È il 1971, con il sogno hippie ormai messo all’angolo dalla maggioranza silenziosa e conformista che ha portato al potere Richard Nixon e l’esercito americano ancora impantanato nella giungla e nelle paludi del fottuto Vietnam. Un momento perfetto per mostrare al mondo la vacuità del sogno americano. Il pretesto è la corsa motociclistica Mint 400, della quale Duke dovrà fornire un attento e scrupoloso reportage. Le cose però non andranno come previsto…

Massimo esponente del cosiddetto gonzo journalism, Hunter S. Thompson, autore “contro” tanto famoso negli Usa quanto snobbato in Italia (ad eccezione del titolo oggetto della recensione è praticamente impossibile trovare altre sue opere tradotte), scrisse nel 1971 questo romanzo semi-autobiografico che, con il passare del tempo, divenne “lucida” testimonianza della fine del sogno ribelle di fine anni ’60. Al di là dello stile scanzonato e frammentario, figlio dell’impostazione quasi diaristica dell’opera e del massiccio uso di droghe fatto in quel viaggio, Paura e disgusto a Las Vegas schiude le porte di un American Dream kitsch e artificiale, fatto di casinò, moralismo e divertimento a buon mercato. La visione dell’autore, deformata dall’occhio straniante delle droghe, si snoda attraverso descrizioni bizzarre e surreali, alternando comicità e amara disillusione. Las Vegas, enorme e rutilante ammasso di luci e divertimento in mezzo al deserto, è allo stesso tempo nemico da combattere con scanzonata goliardia e metafora di una società sempre più scollata dalla realtà mentre sullo sfondo si assiste alla repressione e alla frammentazione della controcultura dell’amore libero e del pacifismo. Imprescindibile per chiunque voglia fare un viaggio sui generis nel sogno americano.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER