Pieno giorno

Pieno giorno
New York, 1960. Natale. Willie Sutton è uscito da poche ore dal penitenziario di Attica per una grazia causa motivi di salute concessagli dal governatore Rockefeller. La sua storia inizia nel 1919, quando era cominciata la sua splendida carriera di rapinatore contrario alla violenza. Il suo obiettivo? I banchieri. Erano loro che meritavano di essere derubati perché proprio loro potevano essere considerati la causa della deriva della società contemporanea. La carriera di Sutter si era interrotta brutalmente quando era stato catturato e spedito in galera a Sing Sing. Da quel momento i suoi compagni erano diventati i grandi nomi e le celebri penne della letteratura: Shakespeare, Proust, Dante. Adesso ha un solo giorno, quello della grazia, per raccontare la sua storia, per farla raccontare a un giornalista e a un fotografo. Sarà la sua storia, quella dei banchieri. E quella dell'amore…
Qualcuno definisce la sua scrittura molto vicina a quella di James Ellroy, forse per i dialoghi che caratterizzano Pieno giorno, il romanzo in cui J. R. Moehringer racconta la storia di Willie Sutton, il più famoso rapinatore di banche d'America. L'unico giorno utile, quello del romanzo, è lungo una vita e si dipana non solo nei dialoghi ma anche nelle descrizioni estremamente particolareggiate, nelle variazioni del ritmo. Tutto viene comunque lasciato al lettore, al quale l'autore dà il piacere e se vogliamo il senso di indefinito che lo spinge avanti nella lettura. Un continuo concedere e togliere particolari, indugiare o meno nelle descrizioni. Il racconto del protagonista, a tratti poco lineare, ellittico e disordinato, crea un contrasto con la visione classica della linea del tempo, da un punto, il passato, a un altro punto, il presente. Qui tutto è fatto di punti nel senso geometrico del termine, la cui unione non dà una linea retta e non è univoca. Tutto si apre a svolte inattese e colpi di scena che tengono viva l'attenzione di chi si lascia affascinare dal racconto di Willie. È davvero passato solo un giorno?

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER