Prima o poi casco

Prima o poi casco
Ci sono momenti nella vita in cui senti il bisogno di darti delle regole. Mangiare meglio, svegliarsi presto, andare in palestra. E così ti può capitare di ritrovarti nel bel mezzo di un corso dove si suda come maiali incitati da un'insegnante che urla in un minuscolo microfono, e ti trascina in una scalata su per un'ipotetica montagna. Una di quelle che si prende talmente sul serio da non sopportare neppure le battute di un'allieva ironica per natura. In realtà la vita di tutti giorni è divertente specialmente se guardata attraverso l'occhio attento di un'attrice come Katia Beni che ci propone una serie di nove esilaranti racconti tratti dalla sua personale visione della vita del nostro tempo. Chi di noi non ha mai dovuto 'subire' ore ed ore di riprese e scatti fotografici fatti da amici al ritorno da qualche viaggio? E quelli dei matrimoni che da semplici 'filmini' sono diventati vere e proprie produzioni cinematografiche? Per non parlare di chi arriva a mostrare ad amici e parenti la nascita dei propri figli minuto per minuto! In questo caso il 'regista', dicono i nostri autori, "Si raccomanda con la moglie di essere professionale: deve sempre restare a favore di telecamera, mantenere una mimica convincente, e realizzare il tutto in un tempo che non sia né troppo breve né troppo lungo". Con "Arrivano i R.I.S" a essere preso bonariamente in giro è il mondo delle investigazioni e delle indagini scientifiche e della mania del giallo che pare aver contagiato tutti. "Ve li ricordate gli ispettori di una volta? Il tenente Colombo con la macchina scassata e l'aspetto di uno zio appassionato di liquori? Mummie ormai che non potrebbero certo risolvere un caso come quello dei coniugi Berti di Sesto Fiorentino, lei segata in cinque parti e lui beccato con una motosega in mano che si autoaccusa ma viene apostrofato dal commissario di turno: Oh! Ma che si crede, qua siamo in Italia sa? C'è gente è vent'anni che aspetta un processo e lei vuole andare in prigione al volo... ma dove crede di essere, al Monopoli?"
Il libro si apre con una serie di fotografie in bianco e nero tratte dall'album personale di Katia Beni che la ritraggono tutta nuda ...a pochi mesi, in bikini a due anni, a scuola, nel suo periodo da pin-up; e altre ancora sono accompagnate da una serie di divertenti didascalie che conducono il lettore all'apertura dei racconti tratti dallo spettacolo che l'attrice sta portando con successo nel suo tour estivo e riletti insieme a Fabio Genovesi. Prima o poi casco è una lettura veloce di sole 157 pagine che aiuta a sorridere dei casi della vita.

Leggi l'intervista a Katia Beni


Leggi l'intervista a Fabio Genovesi


 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER