Questo minuscolo, inutile cuore

Questo minuscolo, inutile cuore
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Melbourne, Australia. Il giorno in cui Caroline ha sposato Henry, sua madre ha spaccato con le sue mani, una per una, tutte le stoviglie di casa. Quindici anni dopo, il giorno in cui Henry fa le valigie e va via con Martha, Caroline taglia con le forbici tutte le sue cravatte e il cavallo di tutti i pantaloni. Sua sorella Janice, sbigottita, le domanda perché. Risposta: i pantaloni dovrebbero contenere il pene, ma a quanto pare non hanno adempiuto al loro compito, hanno lasciato che scorrazzasse dove più gli pareva. Del resto, Henry stesso ha provato a spiegarlo alle figlie: se uno mangia solo mango per anni, per quanto buonissimo, a un certo punto vuole provare un cibo diverso, così va la vita. E a lui è successo proprio questo, ha incontrato Martha e ha assaggiato un cibo più buono del mango. Caroline, tuttavia, non si rassegna: scopre dove Henry e Martha stanno partendo per la prima vacanza da piccioncini, e prende il primo aereo per riconquistarlo. Intanto alle figlie ci pensa Janice, no? Lei, la sua famiglia l'ha mandata all'aria da un pezzo, ha lasciato Alec dall'oggi al domani. Comunque, Janice non dovrà pensare a tutto da sola: per qualsiasi necessità ci sono Craig e Lesley, i vicini, sposatissimi e felici genitori di due gemelli. Che carini, si sono accorti del trambusto e sono accorsi subito per rendersi utili...

Potrebbe essere una commedia teatrale. L’intero romanzo è ambientato nello stesso luogo, la casa di Henry e Caroline, dove i personaggi si accavallano tra equivoci e incomprensioni. Una storia adatta a una serata fra amiche di mezza età, per staccare il cervello dalle noie di tutti i giorni, nella quale i tipici cliché del romanticismo comico, così prevedibili e rassicuranti, sono una benedizione. Ce ne sono un bel po', qui: lei ama lui che ama un'altra più giovane di lei. Lei ama lui e lui ama lei, ma la carne è debole, si sa. Lei ama lui, ma lo lascia perché è chiaro come il sole lui starebbe meglio senza di lei, e capisce di aver sbagliato quando è troppo tardi. Eccetera. Questo minuscolo, inutile cuore racconta due giorni della vita di tre coppie (a cui aggiungere la giovane amante Martha), che implicitamente si interrogano su luci e ombre della monogamia, del sesso coniugale e non, dei non-detti che si accumulano quando si sta insieme da così tanto tempo. Una carrellata di sentimenti che trova riposo nei personaggi riuscitissimi delle due bambine, le figlie di Henry e Caroline: Paris, la più piccola, ha scelto di non parlare più; Mercedes, sette anni, interpreta a modo suo il mondo che la circonda, ad esempio si domanda quanto possa essere scomodo il letto del loro vicino Craig, se così spesso il pomeriggio viene a dormire in quello della mamma.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER