Ragtime

Ragtime
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

È il 1906 e Mamma, Papà, il fratello minore di Mamma, il Nonno e il ragazzo vivono vite da agiati possidenti in una robusta magione a New Rochelle, alle porte di New York; nelle loro vite sembrano non avere alcun peso gli immigrati che a milioni vengono vomitati dalle navi per finire spesso alla fame ai bordi delle strade, né i negri, né gli operai in lotta, né i bambini che muoiono come mosche per strada; dovranno presto realizzare che queste realtà esistono e avranno un peso crescente nelle loro vite. Persone come il pianista nero Coalhouse, vittima di una crudele vessazione che avrà come conseguenza la definitiva perdita dell’innocenza per lui e le persone che lo hanno conosciuto, la rivoluzionaria Emma Goldman, Sarah e il suo bambino, il poverissimo artista ebreo che la sua bambina chiama solo Tate e produce silhouette per una misteriosa benefattrice, irromperanno nelle loro esistenze in una concatenazione di eventi che li vede alternarsi a Evelyn Nesbit, il cui amore ha causato la morte del grande architetto Stanford White, al mago Houdini e al generale Zapata, mentre sullo sfondo Papà partecipa alla spedizione di Peary al Polo, Sigmund Freud sbarca in città per ripartirne disgustato, Pierpoint Morgan trova in Henry Ford finalmente una persona alla propria altezza e insieme a lui forma una Società segreta di cui sono gli unici membri…

Un ritmo sincopato con una vena crescente di tristezza come quello del ragtime che Coalhouse fa ascoltare per la prima volta a Mamma e Papà nel loro salone sovraccarico, una perfetta capacità di mettere in luce le piccole coincidenze, i momenti in cui le vite dei personaggi si sono intrecciate o anche solo sfiorate, evidenziando come le conseguenze delle azioni di ciascuno possano riverberarsi in mille modi sulle vite degli altri, gli incontri fortuiti, e quelli predeterminati, i punti di contatto e quelli frizione tra i protagonisti, sono solo alcune delle caratteristiche che fanno di Ragtime un pregevole documento storico, oltre che una grande opera letteraria. Che il personaggio (e la storia) di Coalhouse siano stati o meno “rubati” dal racconto Michael Kohlhaas di Heinrich von Kleist o fino a che grado si estenda il debito di gratitudine di Doctorow nei confronti di quest’ultimo è materia che ha infiammato a lungo la critica letteraria e a cui lo stesso Doctorow ha prestato scarsa attenzione, ma il personaggio è talmente ben inserito nel puzzle delle vite di tutti gli altri, è così perfetto nella sua integrità e incrollabile dignità da poter dire che seppure fosse già esistito in un altro universo letterario, la nuova vita donatagli da Doctorow lo rende così completamente nuovo, splendente e adamantino nella sua sete di giustizia da oscurare qualsiasi sua vita precedente.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER