Revenant

Revenant
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

Agosto 1823, Missouri. Il capitano Andrew Henry, capo della spedizione della Rocky Mountain Fur Company, ha fama di uomo incredibilmente iellato. Le leggende sul suo conto si arricchiranno ben presto di nuovo materiale: i suoi trapper sono decimati da un fulmineo attacco degli indiani Arikara. Come se ciò non bastasse, Hugh Glass, il suo uomo migliore e maggior conoscitore della geografia del luogo, viene brutalmente ferito da un grizzly. Le cure sono tempestive ma spartane, e i grossolani punti di sutura non bastano. Per non rallentare il passo della compagnia, Henry stabilisce che solo l’inquieto John Fitzgerald e Jim Bridger restino al suo capezzale per dargli degna sepoltura. Date le condizioni di Glass e l’ansia di ripartire, Fitzgerald convince Bridger a lasciarlo morire, senza onorare l’impegno preso. Mossi dall’egoismo e dall’avidità, i due derubano poi il compagno dei suoi pochi averi, fra cui il suo preziosissimo fucile Anstadt. Nonostante sia abbandonato a se stesso, febbricitante e quasi impossibilitato a muoversi, Hugh trova nuova linfa vitale nella sua sete di vendetta nei confronti dei traditori. Si rimette in sesto poco alla volta, si nutre di piccoli roditori e bacche, si muove strisciando e zoppicando nel sottobosco. Fitte laceranti gli ricordano l'inferno che ha vissuto, un taglio profondo alla gola lascerà segni indelebili sul suo timbro di voce, ridotto per sempre a poco più che un sibilo. La strada fino all’avamposto di Fort Brazeau è segnata. Glass è di nuovo in piedi e pronto a lottare…

Chi non ha sentito parlare di Revenant – Redivivo, il film diretto da Alejandro González Iñárritu e interpretato da Leonardo DiCaprio che forse regalerà finalmente all’attore di Los Angeles l’agognato Oscar? Il capolavoro di Iñárritu si basa sul libro di Michael Punke, pubblicato nel 2002 negli Stati Uniti e in Italia nel 2014. Il romanzo non ha scaldato i cuori dei lettori nostrani, ma il successo al botteghino della pellicola lo sta riportando alla ribalta. Il titolo originale Revenant – A novel of revenge sottolinea il tema della vendetta: un uomo devastato trova la forza di sopravvivere solo per rimediare ai torti subiti, animato dall’ardente bisogno di farla pagare ai suoi carnefici. Il suo percorso solitario verso la riconquista di ciò che gli appartiene lo porta a conoscere molte persone con cui stringe legami, in particolare un’anziana squaw e uno stregone indiano che cura le sue ferite ormai brulicanti di vermi. Come viene precisato nella nota storica di Punke, l’epopea di Hugh Glass è stata certamente contaminata da aspetti leggendari: Revenant è finzione, ma tutti gli avvenimenti principali così come i protagonisti sono reali. Il resoconto storico più completo a cui l’autore si è rifatto è The Saga of Hugh Glass di John Myers Myers. Un imponente lavoro di ricerca documentaria, una grande abilità descrittiva, la realtà storica che si intreccia alla perfezione con gli eventi frutto della fantasia di Punke: tutti aspetti che fanno rientrare a pieno titolo il libro nei canoni del grande romanzo americano.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER