Rock oltre cortina

Rock oltre Cortina. Beat, prog, psichedelia e altro nei paesi del blocco comunista 1963-1978

Gli appassionati di musica conoscono bene la storia del rock britannico o statunitense degli ultimi decenni, ma quanti sanno qualcosa della scena musicale dei Paesi del blocco comunista? Chi calcava i palchi di Budapest o Cracovia invece dei Beatles, dei Rolling Stones, degli Yes, dei Genesis, dei Jethro Tull o dei Deep Purple? Chi occupava i cuori dei fan di Oltrecortina durante la grande stagione della contestazione giovanile, dei “capelloni” e della psichedelia? A Praga nella seconda meta degli anni ’60 i Matadors erano una vera e propria leggenda: il frontman Viktor Sodoma (sembra il nome di un attore porno o di un musicista black metal ma è solo un cognome ceco abbastanza frequente) sembrava Jim Morrison e nelle serate all’Olimpik Club il gruppo suonava oltre a pezzi propri una serie di cover di Kinks, Yardbirds e Who in inglese maccheronico. Ma probabilmente il disco più memorabile della storia del rock cecoslovacco lo realizzarono gli Olympic nel 1968: un garage eversivo e rumoroso che può rivaleggiare tranquillamente con i capolavori anglosassoni del genere. Imperdibili anche gli slovacchi Collegium Musicum che nel 1971 suonano una sorta di progressive neoclassico e romantico davvero memorabile anche grazie alla grande abilità tecnica dei musicisti. Gli ungheresi Omega nel 1969 sfornano il capolavoro 10.000 Lèpès, un hard rock potente e innovativo con una ballata che verrà in seguito ripresa e portata al successo in Occidente dai tedeschi Scorpions con il titolo White dove. Il gruppo ungherese più noto all’estero sono invece i Locomotiv GT, una sorta di Led Zeppelin virati jazz e funky, che incidono negli anni ’70 anche molti LP a Londra e negli Usa. In Polonia riluce il genio di Czesław Niemen, che “ha attraversato l’intero arco di tempo che va dalla metà degli anni ’60, quando esordisce con il suo personalissimo beat, passando poi per il rock, il progressive, l’avanguardia, la sperimentazione e la canzone d’autore”, fino alla sua prematura scomparsa nel 2004. Ai rumeni Progresiv TM si deve invece l’album Dreptul De A Visa, considerato una delle vette qualitative a livello mondiale del progressive melodico…

Alessandro Pomponi, per più di venticinque anni collaboratore della rivista musicale “Raro!” e oggi di “Raropiù”, ha da sempre la passionaccia per le band rock di ultranicchia, quelle che nessuno conosce magari proprio perché appartenenti a scene musicali poco frequentate dal grande pubblico e dai media. I Paesi dell’Europa continentale, per esempio, ma ancor di più il misterioso (e fino a vent’anni fa lo era davvero!) mondo dell’Est. L’interesse per questa scena musicale è nato in Pomponi con l’ascolto del tutto casuale ma fulminante del disco di un gruppo cecoslovacco, i Collegium Musicum capitanati dal funambolico tastierista Marian Varga: dopo questa epifania, la ricerca di Pomponi è diventata incessante, un po’ pura curiosità un po’ anelito di giustizia. Perché artisti di grande talento e dischi splendidi non dovrebbero avere l’attenzione e il riconoscimento che meritano? E così seguiamo il percorso che anche Oltrecortina dal beat degli anni ’60 conduce al progressive degli anni ’70, ma senza trascurare folk, blues, soul, hard rock, musica sperimentale, new wave e – seppure solo marginalmente, per motivi opposti – punk e metal. La disamina di Pomponi (che non tocca i Paesi baltici e l’Albania a causa della scarsità di materiale e viceversa non si occupa di Yugoslavia per le troppe cose da dire, che meriterebbero un volume a parte che speriamo arrivi presto) si interrompe con gli anni ’80, anni in cui da una parte la crisi economica e sociale precipita alcuni Paesi del blocco sovietico in una plumbea stagione di repressione (Romania, Bulgaria, Germania Est) e dall’altra la crescente fascinazione per l’estetica del blocco occidentale – soprattutto quella più nazionalpopolare – porta al disimpegno anche musicale e fa implodere la scena underground locale (Ungheria, Cecoslovacchia, Polonia).



 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER