Roger Fry

Roger Fry
Il 14 dicembre 1866 nacque Roger Fry, secondogenito di Edward Fry e Mariabella Hodgkin. Entrambi quaccheri, segnarono tutta la famiglia con modi di pensare e di vestire che esposero Roger e gli altri spesso a derisione, giudizio o peggio ancora indifferenza. Innamorato della scienza, delle piante e del suo giardino, sviluppò precocemente la passione per la bellezza anche se il suo percorso di studi non sembrava indirizzato all’estetica. Frequentò con profitto ed interesse la scuola in cui, capoclasse, era costretto ad essere presente alle punizioni corporali che spesso il preside infliggeva ai suoi compagni, una scuola nella quale non sempre il merito degli insegnanti era riconosciuto ed incoraggiato. Poi gli anni di Cambridge, le sue importanti amicizie, l’ingresso nel gruppo segreto degli Apostoli, i viaggi a Londra, in Italia, a Parigi e la personalità di Roger che si sviluppa e si fortifica. Questo è solo l’inizio della storia di uno dei più importanti membri del circolo di Bloomsbury…
Intimo amico di Virginia Woolf, fu Roger Fry stesso a suggerirle di scrivere il suo ritratto, permettendole di mettere in pratica le sue personali teorie sul mestiere di biografo. Per questo motivo la Woolf accolse la richiesta di Margery Fry, all’indomani dell’improvvisa morte del fratello nel 1934, che gettò nello sconforto e nell’incredulità il gruppo di Bloomsbury a cui veniva a mancare la “punta di diamante”, il punto di riferimento in tema di viaggi e mostre. La stesura di questo libro occupò la Woolf per molti anni, un libro che come lei stessa ammetteva le creava molti dubbi e molte preoccupazioni circa il modo di scrivere una biografia. Lo affronta con accuratezza, studiando con attenzione la copiosa corrispondenza di Roger messale a disposizione dalla famiglia, intrecciandola a ricordi personali. Un lavoro che obbliga la Woolf a rileggere un cammino comune durato lunghi anni, la vita, il lavoro e l’arte si fondono in un’opera magistrale che “ad oggi rimane il ritratto definitivo dell’artista e dell’uomo, delle battaglie e delle passioni che ne segnarono l’esistenza”.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER